L'arciprete di Calolzio racconta la sua esperienza con il Covid: «Ho temuto di non farcela»

Don Giancarlo, dopo aver ringraziato i fedeli che gli sono stati vicino, ha scritto una sorta di diario dei durissimi giorni della malattia, dalle cadute in casa al ricovero: «Ho avuto modo di apprezzare la dedizione e l’impegno di medici e infermieri»

Don Giancarlo Scarpellini, 70 anni, è arciprete della parrocchia di San Martino Vescovo a Calolziocorte.

Era la sera di domenica 15 marzo: la febbre continuava a salire e il respiro diventava sempre più affannoso. I suoi assistenti non esitarono a chiamare il 118. In breve tempo l'arrivo dell'ambulanza e il ricovero in ospedale a Lecco. Anche don Giancarlo Scarpellini, classe 1949, arciprete di Calolziocorte, ha dovuto affrontare l'incubo del Covid-19. Dopo la forte proccupazione iniziale le cure hanno fatto effetto, le sue condizioni di salute sono fortunatamente migliorate e nel giro di due settimane il sacerdote è guarito ed è potuto rientrare nella propria abitazione di piazza Arcipresbiterale, dopo un periodo di convalescenza in una casa di cura della diocesi di Bergamo.

Dimesso dall'ospedale l'arciprete di Calolzio

In quei giorni un semplice sms ai suoi parrocchiani in apprensione per tranquillizzarli «Sto bene, adesso devo fare ancora due settimane di quarantena, dopo potremo vederci. Un grazie per le vostre preghiere e la vostra vicinanza». Poche parole, il desiderio di tornare tra la sua gente e di lasciarsi alle spalle una sfida difficile.

Ora, due mesi dopo i momenti più difficili e 40 giorni dopo la guarigione ufficiale, don Giancarlo ha deciso per la prima volta di parlare pubblicamente della sua esperienza scrivendo una sorta di diario dei giorni della malattia. Una testimonianza preziosa che ha pubblicato sul notiziario "Tre voci una Parola" dell'Unità pastorale di Calolzio di cui fa parte anche la parrocchia di San Martino Vescovo da lui guidata.

Ecco il suo racconto dal quale, insieme alla gioia di aver superato una prova difficile, emergono anche i momenti drammatici vissuti già poco prima del ricovero, con la cadute in casa e le momentanee perdite di conoscenza. Poi l'angoscia delle prime notti in ospdale nelle quali l'arciprete aveva anche temuto di non farcela.

«La mia esperienza Covid»

Non pensavo proprio di buscarmi quella pandemia; ritenevo di essere forte in salute. Ero uscito martedì 3 marzo a portare la comunione agli anziani di quella giornata; portavo la mascherina nell’entrare nelle case e prendevo la precauzione della distanza. Tutto era andato bene. Dovevo riprendere le comunioni dal giovedì al sabato. Mi hanno dissuaso in tanti. Così ho rinunciato informando telefonicamente di tale rinuncia gli anziani interessati. Nel frattempo però cominciavo ad avvertire dei sintomi di malessere.

Dal 5 al 15 marzo il malessere continuava. Mi veniva sconsigliato il ricovero sia perché i miei sintomi apparivano leggeri sia perché l’ospedale in quel momento appariva un alleato della pandemia. Dal 10 al 15 marzo, solo in casa, mi è capitato almeno tre volte, durante il giorno, di svegliarmi per terra, senza rendermi conto di cosa fosse successo. La prima volta mi sono ritrovato con la testa immersa in una piccola pozza di sangue, forse sceso dal naso, un bernoccolo sulla testa e le borse nere delle occhiaie attestava una caduta. Non riesco a dire altro perché quei giorni mi appaiono come appiattiti, non riesco a metterli in ordine. Anche le cose che seguono le ho perse nei particolari e mi sono state riferite.

La sera di domenica 15 marzo mi telefonano Paola e il direttore della nostra casa di riposo, Venturini. Non avverto le chiamate. Chiedono a Paola il favore di raggiungere casa mia. Vengo trovato in condizioni non buone. Così viene chiamata l’ambulanza. Sono circa le ore 22. Vengo ricoverato all’ospedale Manzoni di Lecco. La prognosi della radiografia e del tampone è quella di affezione da Covid-19. Ma non mi ritengono da terapia intensiva. Quella sera e nei giorni seguenti passo in tre reparti differenti dell’ospedale.

Le prime notti in ospedale sono state angosciose; la paura, più psicologica che reale, era alimentata anche dalle notizie della TV che ogni ammalato aveva a disposizione gratis. Di notte non dormivo per timore di avere una crisi respiratoria; in più il letto scomodo, di occasione, più corto della mia statura non mi permetteva di distendermi per bene. In una delle prime notti mi sembrò di essere vicino alla morte. Per due settimane mi hanno prestato le cure del caso: pastiglie retro virali, altre pastiglie, eparina, respirazione aiutata tramite maschera….

Dei tre compagni di camera che si sono succeduti accanto a me, uno della mia età l’ho visto morire.
Ho avuto modo di apprezzare la dedizione e l’impegno del personale infermieristico che spesso affidavo al Signore; e glielo dicevo. Facevo fatica a pregare e capivo quegli ammalati che mi avevano confidato tante volte: non riesco a pregare.

Il 24 marzo il nuovo tampone eseguito risulta negativo. Le mie dimissioni sono previste per sabato 28 marzo. Il venerdì 27 marzo il Vescovo mi aveva avvertito, con un messaggio al cellulare, che la diocesi aveva messo a disposizione una casa apposta per sacerdoti reduci dal corona virus. Ma io ero impaziente di tornare a casa; per cui inizialmente ho declinato gentilmente l’invito.

La notte di quel venerdì 27 non ho dormito per niente; mi tormentavano alcune domande: se a casa ho una crisi respiratoria chi mi dà una mano? E come faccio a gestirmi in casa: ho perso le forze e non so se riesco a reggermi in piedi (ero rimasto a letto dal giorno del ricovero)? E per il mangiare come me la sbrigo? Ero talmente agitato che sabato 28 alle 4,45 del mattino ho mandato un SMS al Vescovo chiedendo di essere ospitato nella casa messa a disposizione dalla diocesi.

È così che sabato 28 pomeriggio sono stato trasportato da Lecco a Bergamo. Ora ero tranquillo anche se la notte ho continuato a dormire poco, probabilmente come strascico dell’epidemia e senz’altro per il letto a montagne russe che mi facevano alzare al mattino col mal di schiena. I giorni comunque sono trascorsi sereni, anche se il pensiero era alla parrocchia. Mi tenevano legato ad essa i messaggi e le telefonate che ricevevo e che mandavo e le riflessioni che ho iniziato a spedire digitalmente il sabato a commento della Parola domenicale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In data 14 e 16 aprile ho eseguito i due tamponi che dovevano concludere la quarantena. L’esito sembrava non arrivasse più. Ho fatto diventare matti tutti per poterlo avere al più presto; finalmente venerdì 24 aprile mi avvertono: tamponi negativi. Non ho voluto aspettare altro tempo. Ho chiesto subito di essere trasportato a Calolzio. Erano passati 40 giorni dalla mia partenza per l’ospedale, e tornavo guarito.

Don Giancarlo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Carabinieri in forze ed elicottero nei cieli di Calolzio, serrate ricerche per trovare il presunto omicida di Olginate

  • Elezioni Comunali di Mandello: Riccardo Fasoli si conferma sindaco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento