La calolziese Stasi in udienza dal Papa dopo aver combattuto il covid: «Una grande emozione»

La direttrice dell'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo in Vaticano insieme ai colleghi Cesa e Pezzoli. Il Santo Padre ha rivolto parole di ringraziamento al personale sanitario impegnato nella lotta alla pandemia

Beatrice Stasi in Vaticano insieme a Simonetta Cesa e Fabio Pezzoli.

L’avevamo intervistata lo scorso febbraio, quando era stata impegnata a combattere e a vincere la lotta contro il Covid-19 che aveva colpito anche lei nel momento in cui Bergamo si trovava nel pieno dell'incubo pandemia. Maria Beatrice Stasi, mandellese di origine, direttrice dell’ospedale Papa Giovanni XXIII e attualmente residente a Calolziocorte, difficilmente dimenticherà questa delicata parentesi della sua vita e dell'attività professionale. Anche se la tempesta del Coronavirus non è ancora superata, oggi, o meglio il giorno 5 settembre, sul volto della dirigente dell'Asst di Bergamo si è acceso un sorriso.

A motivare questa distensione Papa Francesco, incontrato da Beatrice Stasi nel corso di un'udienza in Vaticano. «È stata una grande emozione - ha detto Beatrice Stasi - e quella giornata rimarrà per sempre scolpita nella mia memoria». Con lei a condividere questa commozione il direttore sanitario del nosocomio bergamasco Fabio Pezzoli, Simonetta Cesa delle professioni infermieristiche e sanitarie, in prima linea con i collaboratori nell’allestimento dei reparti covid unitamente nella formazione del personale.

Con la delegazione del Papa Giovanni, anche una rappresentanza dell’Istituto ospedaliero Fondazione Poliambulanza di Brescia. Nel contesto dell’udienza papale con i protagonisti di queste zone flagellate dalla pandemia, gli incaricati legati all’asta sportiva solidale “We Run Together”. Dell'evento di sabato 5 settembre ha parlato anche l’Osservatore Romano che ha titolato «Correndo insieme senza lasciare nessuno» - alle parole di Fancesco «Portate avanti questo modo di vivere lo sport. Continuate cosi!» rivolto ai sei protagonisti presenti in Vaticano, sostenitori del concorso solidale.

Scuola verso la ripresa: a dispozione altri 400 test rapidi per il personale scolastico

Nicole Orlando atleta con la sindrome di Down, Daniele Cassioli atleta non vedente, Monica Contrafatto con una amputazione alla gamba vittima di un attentato in Afghanistan, Valerio Aspromonte e Carolina Erba campioni di scherma e la moglie di Pietro Mennea scomparso nel 2013. Il Santo Padre nel corso di questa udienza ha avuto parole di ringraziamento espressamente rivolte al personale dell’ospedale di Bergamo e della Fondazione Poliambulanza di Brescia.

A tutti i presenti Bergoglio ha poi donato una copia del libro “Mettersi in gioco”, una raccolta di pensieri sulla pratica sportiva esternati dal Sommo Pontefice. Maria Beatrice Stasi ha invece donato al successore di San Pietro un libro legato alla realizzazione del nuovo ospedale di Bergamo, il direttore sanitario Fabio Pezzoli un volume in cui si parla della chiesa eretta all’interno del Papa Giovanni XIII e Simonetta Cesa una raccolta di lavoretti eseguiti dai bambini ricoverati accompagnato da un biglietto scritto dai piccoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

  • Manifesto accusa Fasoli: «Come Pinocchio». Il sindaco: «Alle urne abbiamo visto tutti come è andata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento