menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«La strada per Carenno è invasa da rami e alberi che creano pericoli, i privati puliscano»

L'appello del sindaco Luca Pigazzini: «Scarsa visibilità e ostacoli da evitare. Mi sono già rivolto a Comune di Calolzio e Provincia per solleciti e sanzioni, ma la situazione non cambia»

La strada che collega Calolziocorte con Carenno è sempre più invasa da alberi e rami che dai lati delle carreggiate ostacolano la visibilità e rendono pericoloso il transito: il sindaco Luca Pigazzini chiede a privati e autorità competenti di intervenire. «La strada provinciale che da Calolzio sale a Carenno, soprattutto nel tratto che dalla frazione calolziese di Rossino arriva fino al centro abitato del nostro paese, presenta in diversi punti una situazione complicata - spiega Pigazzini, primo cittadino di Carenno - Il motivo? Sono molti i rami e gli arbusti che da diverse proprietà private invadono la strada e obbligano i mezzi, soprattutto quelli più alti, ad invadere la corsia opposta con i correlati problemi per la sicurezza della circolazione. Da diverso tempo siamo in contatto con il Comune di Calolziocorte e la Provincia di Lecco per chiedere loro di intervenire nei confronti dei privati interessati. La situazione non si sblocca perché fra i due enti c'è un rimpallo di competenza su chi debba fare questa azione, con solleciti ed eventuali sanzioni, nei confronti dei privati. Al di là del rammarico per questa assurda paralisi causata dalla burocrazia - incalza Luca Pigazzini - mi rivolgo  attraverso gli organi di stampa direttamente ai proprietari interessati per chiedere loro di verificare lo stato delle loro proprietà ed intervenire dove necessario a tutela sia loro sia di coloro che utilizzano la strada che sale verso Carenno. Spero di aver maggior fortuna con i privati rispetto a quella avuta con le istituzioni». (Sopra e sotto alcune immagini della strada Calolzio-Carenno invasa da una folta vegetazione)

Forte vento, tapparella vola dal quinto piano del grattacielo sulla piazza del centro di Calolzio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento