menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cimitero del Lavello a Calolziocorte.

Il cimitero del Lavello a Calolziocorte.

Mascherine abbandonate, il problema riscontrato pure al cimitero

A Calolzio l'assessore Tina Balossi ha ricordato le norme da rispettare anche al camposanto: «Teniamo tutti alla pulizia e al decoro. Purtroppo però c'è chi abbandona fiori e dispositivi di protezione individuali»

Continua a preoccupare l'abbandono "selvaggio" di mascherine: a Calolziocorte è capitato perfino nei cimiteri. Il problema è stato reso noto dall'assessore ad Anagrafe e Servizi cimiteriali, Tina Balossi, all'interno di una dichiarazione più generale sui comportamenti da tenere nei camposanti cittadini per favorirne il decoro e la cura.

«Con il maltempo molte foglie e fiori finiscono nei passaggi, prestare la massima attenzione»

«A causa del maltempo, peggiorato negli ultimi anni con violente raffiche di vento, è più volte capitato che foglie e fiori venissero portati via dal vento - spiega Tina Balossi - È  accaduto anche di recente, con sterpaglie e foglie andati a rendere scivolosi alcuni passaggi pedonali. Si invitano quindi tutti, soprattutto gli anziani, a prestare la massima attenzione. Nei giorni di maltempo e in quelli immediatamente successivi è meglio recarsi al cimitero solo se necessario. Vogliamo poi fare un'altra raccomandazione: è importante controllare che i propri monumenti siano ben stabili per non creare danni alle tombe circostanti. Inoltre, in base al regolamento di Polizia mortuaria - insiste l'assessore comunale - occorre tenere regolati fiori e piante, la cui altezza non deve superare il metro e mezzo. Stiamo procedendo alle segnalazioni, affiggeremo ancora dei cartelli come abbiamo fatto l'anno scorso con questa raccomandazione, poi seguiranno i controlli».

Ancora mascherine e guanti abbandonati, rifiuti selvaggi ai tempi del Coronavirus

Spazio quindi al tema dei rifiuti abbandonati, dai fiori alle mascherine per poteggersi dal covid. «Infine - conclude Tina Balossi - essendo i cimiteri luoghi sacri, tutti teniamo all'ordine e alla pulizia. Purtroppo però abbiamo notato l'abbandono di fiori, mascherine e guanti. Chiediamo a tutti di rispettare le norme e la pulizia, e ringrazio fin da ora tutti coloro che seguiranno queste indicazioni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento