Calolzio e Cisano festeggiano la centenaria nonna Lina

L'abbraccio affettuoso dei famigliari per il compleanno di Adelina Perovani, nata a San Gregorio e poi trasferitasi al Tovo con il marito Angelo Butta: «Voler bene alle persone aiuta a vivere meglio». La donna ha ricevuto anche la visita dell'assessore Tina Balossi

Adelina Perovani insieme ai suoi famigliari, sotto con l'assessore ai Servizi sociali Tina Balossi.

«Sono molto contenta della mia vita ed emozionata per questa festa di compleanno. Il segreto per raggiungere i 100 anni? Cercare di voler bene a tutti, dedicarsi al lavoro e alla famiglia, pensare agli affetti più cari». Sono alcune delle parole più significative pronunciate da nonna Lina, Adelina Perovani - nativa di Cisano e da quasi 40 anni residente a Calolzio - in occasione della festa che i suoi famigliari le hanno dedicato per l'importante traguardo dei 100 anni. Domenica ha ricevuto l'abbraccio affettuoso dei due figli, della nuora, del genero, dei nipoti e pronipoti. Ieri, nell'abitazione di via Zanini, è stata raggiunta dall'assessore ai Servizi sociali Tina Balossi che ha portato a nonna Lina il saluto e gli auguri dell'Amministrazione comunale di Calolziocorte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dagli Stati Uniti alle scuole di Calolzio per parlare di food, ambiente e sostenibilità

«Nostra mamma è nata a San Gregorio, frazione di Cisano Bergamasco il 20 Gennaio 1920, ultima di 12 figli e la più longeva - racconta il figlio Danilo parlandoci di Adelina e della festa di compleanno a lei dedicata - Ha lavorato diversi anni presso un filatoio di Cisano, paese dove era cresciuta con la sorella Teresa e la mamma. Nel 1948 ha conosciuto quello che poi sarebbe diventato suo marito, Angelo Butta, appena tornato dalla guerra d’Africa. Nel 1950 si sono sposati trasferendosi a Calolzio nella frazione Tovo. Qui hanno vissuto fino al 1960, trasferendosi poi non molto lontano in vicolo Maglio, dove il marito aveva costruito la loro casa». Dal matrimonio sono nati tre figli, due viventi: Danilo e Mariella. Dopo qualche anno dalla morte del marito avvenuta nel marzo 1991 si è trasferita in centro a Calolzio dove attualmente vive e dove nei giorni scorsi ha festeggiato nel modo migliore, circondata dall'affetto dei propri cari, i suoi 100 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento