«Usiamo la mascherina», a Calolzio i giovani ci mettono la faccia

Il Comune ha promosso un appello anticovid con manifesti sui quali compaiono i volti di ragazzi e ragazze del territorio. I consiglieri Eleonora Rigamonti e Daniele Butti: «Iniziativa efficace per far capire a tutti l'importanza delle mascherine»

L'assessore Tina Balossi in mezzo ai Consiglieri comunali Eleonora Rigamonti e Daniele Butti.

I giovani ci mettono la faccia per promuovere l'utilizzo delle mascherine e per cercare di vincere tutti insieme la battaglia contro il Covid. Succede a Calolziocorte, dove il Consigliere comunale con delega ai giovani Eleonora Rigamonti, insieme ai colleghi Daniele Butti e Marco Bonaiti, ha promosso la realizzazione di alcuni manifesti e volantini con i volti di diversi giovani residenti in valle San Martino mentre indossano le mascherine.

Casi di covid, l'Ufficio Anagrafe di Calolzio chiuso al pubblico

Il messaggio - importante ed efficace - è rivolto a persone di tutte le età e recita: "Sono responsabile #mimettolamascherina". Il manifesto comparirà presto sulle bacheche pubbliche della città, oltre ad essere diffuso in formato ridotto in alcune attività commerciali, quelle aperte in questo periodo di zona rossa. Ben 32 i giovani che hanno prestato la propria immagine per il nobile scopo. Tra loro anche gli stessi Eleonora Rigamonti e Daniele Butti, oltre al consigliere comunale di opposizione Daniele Vanoli, in una collaborazione bipartisan contro la pandemia, che, soprattutto la scorsa primavera, a Calolzio ha colpito duro.

Volti Calolzio-2

«In tanti hanno creduto in questa iniziativa volta a sensibilizzare tutta la popolazione sull'importanza dell'utilizzo della mascherina - ha commentato Eleonora Rigamonti - Ora più che mai tutti devono fare la propria parte nella lotta al Covid, rispettando le regole per la sicurezza e aiutando ognuno a capire quanto sia utile la mascherina. Non costa nulla indossarla, ma è un comportamento corretto che può fare molto. Sia per lotta al virus, sia per cercare di tornare la più presto alla normalità. Lo dico pensando anche alle molte persone che purtroppo in questa situazione di crisi hanno trovato grandissime difficoltà sul lavoro. Il Governo - ha aggiunto Rigamonti - si è appellato agli influencer come Fedez e Chiara Ferragni. Noi, più semplicemente, ci appelliamo ai giovani del nostro territorio nella speranza che ci sia un passaparola tra i ragazzi affinchè tutti indossino la mascherina, facendo sì che questo comportamento diventi una sorta di moda virtuosa». 

Per aderire idealmente alla campagna lanciata dal Comune chi vuole può anche fotografarsi con la mascherina sul volto e postare l'immagine sui propri canali social rilanciando il messaggio "Sono responsabile #mimettolamascherina".  «Tutti possono così aderire a questa campagna che si inserisce in un'iniziativa partita sì dai ragazzi, ma rivolta a tutti, anche a coloro con qualche anno in più - prosegue Daniele Butti - Dobbiamo infatti capire tutti quanti che il nemico non è la mascherina, ma il virus, e occorre attivare ogni mezzo utile per sconfiggerlo, a partire dal corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e da un'attenta informazione e sensibilizzazione che il comune ha più volte promosso».

Il sindaco: «Iniziativa molto utile. Nella nostra città i contagi sono arrivati a quota 134, occorre tenere alta la guardia»

L'iniziativa ha ottenuto il plauso del sindaco Marco Ghezzi e dell'assessore ai Servizi sociali Tina Balossi. «Si tratta di un'iniziativa molto utile - ha sottolineato il primo cittadino - anche nella nostra città dove siamo arrivati a 134 persone contagiate in questa seconda ondata, i casi aumentano di 7/8 al giorno. Per fortuna, come ho già detto nell'ultimo appello video rivolto ai cittadini, sono pazienti meno gravi rispetto al passato, molti dei quali con pochi sintomi. Ma occorre comunque tenere molto alta la guardia, a partire proprio dai giovani».

Tina Balossi ha infine aggiunto: «Ringrazio Eleonora Rigamonti, Daniele Butti e Marco Bonaiti per il lavoro fatto. Si tratta di un'iniziativa importante e secondo me efficace, che ha visto l'adesione convinta di tanti ragazzi, tra l'altro conosciuti, i quali hanno deciso di dare il loro prezioso contributo all'uso della mascherina e alla lotta al virus. Grazie quindi anche a tutti coloro che ci hanno messo la faccia».

A Calolzio una postazione per le vaccinazioni contro l'influenza in zona interscambio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Covid, Lombardia verso l'entrata in "zona gialla": cosa cambia

  • Due incidenti distinti alla stessa ora lungo la Statale 36, deceduto un 56enne

  • De Capitani: «Il Dpcm sul Natale divide l'Italia in due. Voglio vedere chi avrà il coraggio di multare»

Torna su
LeccoToday è in caricamento