L'emergenza covid fa slittare la benemerenza civica all'anno prossimo

A Calolzio il premio di San Martino, i cui vincitori si sarebbero dovuti decidere in questi giorni, è stato rinviato al 2021

Il Comune di Calolziocorte.

L'allarme covid fa slittare anche la benerenza civica. L'Amministrazione comunale di Calolziocorte ha infatti reso noto che l'assegnazione del Premio di San Martino verrà posticipata al prossimo anno. Nei giorni scorsi si erano chiuse le candidature e in queste ore si sarebbe dovuti passare poi alla scelta in vista della ricorrenza del Santo Patrono che cade l'11 novembre. Poco fa l'annuncio del rinvio da parte degli uffici municipali.

«A seguito della decisione presa dalla competente commissione riunitasi nei giorni scorsi, che proponeva di rinviare di un anno l’assegnazione dei premi San Martino a causa dell’emergenza sanitaria e delle limitazioni poste a qualsiasi tipo di manifestazione, l’Amministrazione ha accolto la proposta di sospensione dell’assegnazione e di rinvio dell’aggiudicazione dei premi al 2021» - ha reso noto la Giunta guidata dal sindaco Marco Ghezzi.

Da qualche tempo la benemerenza di San Martino viene assegnata con cadenza biennale, e consiste nell'assegnazione di un Premio e di un medaglione a cittadini, aziende, associazioni o realtà locali che hanno dato lustro al nome di Calolzio anche oltre i confini.

Calolzio: «Lasciate aperti i circoli, importante presidio di ascolto e di aiuto alle persone più fragili»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento