Da "Cambia Calolzio" un appello per contribuire alla raccolta fondi per le famiglie bisognose

L'opposizione guidata da Colosimo lancia anche una critica all'Amministrazione: «Altri 3.000 euro dalla nostra Ausm alla Fondazione del lecchese. La solidarietà è sempre giusta, ma non era meglio darli direttamente ai calolziesi in difficoltà?»

Diego Colosimo, capogruppo di "Cambia Calolzio".

«Una solidarietà giusta, ma si poteva fare diversamente». Diego Colosimo, capogruppo di "Cambia Calolzio", inizia così il proprio intervento in merito allo stanziamento promosso da Ausm a favore della Fondazione comunitaria del Lecchese nei giorni in cui è stato aperto anche un fondo comunale per aiutare i calolziesi in difficoltà a causa dell'emergenza Coronavirus. Fondo al quale anche Cambia Calolzio chiede di contribuire, lanciando però una critica all'Amministrazione.

«La solidarietà è la tenerezza dei popoli e noi ne siamo pienamente convinti - spiega Colosimo in un comunicato stampa a nome di Cambia Calolzio - Ciò premesso, quindi, ci siamo sentiti anche noi orgogliosi del fatto che l’azienda pubblica Ausm di proprietà di tutti i cittadini calolziesi abbia versato giorni fa un contributo di 3.000 euro alla “Fondazione Comunitaria del Lecchese” per le iniziative di contrasto al Coronavirus, che sta colpendo pesantemente in termini di contagio e di perdita di vite umane anche sul nostro territorio comunale. Ora apprendiamo però che nello stesso giorno in cui l’Amministrazione Comunale ha lanciato una pubblica sottoscrizione per le famiglie bisognose di Calolziocorte, l’Ausm su spinta del sindaco ha versato un ulteriore contributo di 3mila euro alla “Fondazione Comunitaria del Lecchese” anziché al Comune, visto che quest’ultimo sta richiedendo a tutti i cittadini dei contributi ad hoc. Una scelta strampalata questa, che seppur sempre finalizzata ad interventi di solidarietà, poteva far registrare però il sostanzioso contributo deciso e concordato con L’Ausm sul fondo comunale anziché su quello della “Fondazione Comunitaria del Lecchese”. Ma va bene così».

Covid-19, un centinaio di contagiati a Calolziocorte

"Cambia Calolzio" chiede quindi a tutti di sostenere il fondo aperto dal Comune per i calolziesi più bisognosi. «Comunque, nonostante ciò, facciamo appello a chi economicamente può farlo di versare un contributo, anche se piccolo, sul fondo destinato alle famiglie bisognose messo a disposizione dal Comune. Qui sotto vengono riportate le coordinate bancarie per i versamenti. Versamenti che possono poi essere detratti anche dalla Dichiarazione dei Redditi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IBAN IT61U0569652710000010002X04 Banca Popolare di Sondrio filiale di Calolziocorte intestato a “Emergenza COVID-19 - Comune di Calolziocorte” causale della donazione “Donazione emergenza COVID-19 - art. 66 del D.L. n. 18/2020”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Elezioni 2020, rese note le preferenze: Antonio Rossi il più votato, Bonacina ancora "top" tra le donne

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento