menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mostra della Valle rinviata, in sostituzione la Pro loco Carenno organizza “Pro Agricola”

L'iniziativa si terrà domenica 4 ottobre. I promotori: «Una scelta di continuità, sperando che la Comunità montana torni a riproporre il tradizionale evento l'anno prossimo»

Una scelta di continuità. Con queste parole la Pro loco Carenno ha motivato la scelta di organizzare “Pro Agricola Valle San Martino” per domenica 4 ottobre. Si tratta di una manifestazione dedicata al mondo contadino e ai prodotti del territorio che andrà a sostituire la tradizionale Mostra Agricola della Valle San Martino con la fiera del cavallo avelignese che quest'anno la Comunità montana ha deciso di sospendere per motivi legati all'emergenza covid.

I volontari dell'associazione carennese assicurano che verranno prese tutte le precauzioni necessarie per la sicurezza spiegando di aver però ritenuto appropriato non privare completamente la popolazione del territorio di un evento sentito e sempre molto apprezzato. "Pro Agricola" avrà luogo sempre in località Puntisei per l'intera giornata di domenica con diversi produttori ed espositori.

Il covid ferma anche la Mostra agricola della valle San Martino, evento rinviato al 2021

«La Pro loco Carenno propone l’evento "Pro Agricola" per domenica 4 ottobre, in quanto desidera dare continuità alla tradizionale “Mostra Agricola”, da anni un appuntamento prezioso per il territorio poiché capace di rievocarne le tradizioni e valorizzarne i prodotti - spiega Marco Rigamonti, vicepresidente dell'associazione - Consapevole del delicato periodo che stiamo attraversando, la Pro loco desidera comunque proporre un evento che, seppur in modo ristretto e nel rispetto delle regole anti contagio, sappia ricalcare il senso di questa manifestazione, nella speranza che, il prossimo anno, la Comunità Montana possa tornare ad organizzare il consueto e atteso appuntamento. Teniamo a precisare che non siamo assolutamente critici rispetto alla scelta di sospensione presa dalla Comunità montana, in quanto ente pubblico si tratta di un provvedimento più che corretto».

Rigamonti ha dichiarato infine: «Le disposizioni di sicurezza sono il cardine su cui organizzaremo tutta la manifestazione, dall'ingresso contingentato all'utilizzo dei Dpi, dal distanziamento alle altre indicazioni contenute nell'ordinanza regionale in materia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento