menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede della Cgil a Lecco.

La sede della Cgil a Lecco.

Servizi della lavorazione della frutta alla Spreafico di Dolzago, scatta lo stato di agitazione

La Filcams Cgil Lecco ha aperto formalmente lo stato di agitazione dei lavoratori impiegati nei reparti gestiti da Cooperativa Spazio Lavoro e Pull Log Service Srl

La Filcams Cgil Lecco ha aperto formalmente lo stato di agitazione delle lavoratrici e lavoratori che svolgono i servizi della lavorazione della frutta nell’azienda Spreafico di Dolzago. Questi reparti sono gestiti da Cooperativa Spazio Lavoro e Pull Log Service Srl.

«Quanto avvenuto negli ultimi giorni risulta a nostro avviso inacettabile - afferma Barbara Cortinovis, segretario generale Filcams Cgil Lecco - Le motivazioni della procedura sono riconducibili alla condizione che si è venuta a creare con le proteste di lunedì scorso, contravvenendo all’impegno sottoscritto nell’incontro in prefettura del 18 agosto agosto, dove anche il sindacato intercategoriale Cobas aveva garantito la sospensione di ogni protesta. Ma così non è stato. Lunedì notte, infatti, è stato effettuato il blocco delle merci in entrata, e sono state fatte forti pressioni alla Cooperativa Spazio Lavoro, e alla stessa Spreafico, chiedendo di sottoscrivere un accordo, di cui parte è tema di discussione previsto per l’incontro del prossimo 14 settembre».

«La Filcams Cgil vuole garantire i diritti, e soprattutto la dignità, di tutte le lavoratrici e i lavoratori»

«Come Filcams Cgil Lecco - precisa inoltre Cortinovis - ci stiamo spendendo dall’inizio di questa vicenda per garantire il mantenimento della pace sociale in un’ottica costruttiva. Al tavolo di confronto vogliamo migliorare le condizioni normative ed economiche di lavoratrici e lavoratori, attraverso anche una contrattazione di secondo livello. Non è ammissibile accettare che Cobas organizzi scioperi, obbligando le aziende a sottoscrivere accordi e creando un clima di tensione e paura all’interno dei luoghi di lavoro. È chiaro che tutto questo non permette di stabilire un clima disteso tra le persone e quindi il raggiungimento degli obiettivi prefissati in questo delicato momento. La Filcams Cgil vuole garantire i diritti, e soprattutto la dignità, di tutte le lavoratrici e i lavoratori».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento