menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedale Manzoni

Ospedale Manzoni

“Che cos’è la chemioterapia” : la riedizione dell'opuscolo spiega gli effetti collaterali del trattamento

La seconda edizione dell'opuscolo destinato ai pazienti con neoplasie, in distribuzione in questi giorni presso la Struttura di Oncologia dell'Azienda Ospedaliera, vuole fornire informazioni utili sugli effetti collaterali della chemioterapia.

È stato recentemente rieditato ed è in distribuzione in questi giorni presso la Struttura di Oncologia dell’Azienda Ospedaliera, l’opuscolo, destinato ai pazienti, dal titolo “Che cos’è la chemioterapia” che fornisce informazioni utile sugli effetti collaterali della chemioterapia. 

“Il nostro impegno, con questa pubblicazione,– spiega Antonio Ardizzoia, Direttore dell’Oncologia dell’Azienda Ospedaliera – è chiarire, ai pazienti affetti da neoplasie, cos’è questa terapia e informarli sui suoi particolari effetti collaterali”.

È opportuno ricordare che la chemioterapia è un trattamento medico che prevede l’utilizzo di farmaci che hanno la capacità di distruggere, o rallentare, la crescita delle cellule tumorali. La scelta del farmaco o dei farmaci chemioterapici, la dose e la modalità di somministrazione dipendono dal tipo di tumore, dalla sede di origine, dalla sua estensione e dalle caratteristiche del paziente (età, condizioni fisiche, altre patologie associate).
Talvolta, la chemioterapia può provocate alcuni effetti collaterali (controllati e resi sopportabili) che variano a seconda del tipo chemioterapico e da persona a persona. Di qui le ragioni della pubblicazione curata dal personale medico e infermieristico dell’Oncologia aziendale e realizzata grazie al supporto di Cancro Primo Aiuto e Defacts.


Al pari della prima edizione, pubblicata nel novembre del 2009, la piccola brochure richiama, nelle pagine iniziali, le finalità del trattamento chemioterapico e le modalità di somministrazione. Poi, per ogni possibile effetto collaterale (solo per citarne qualcuno: stanchezza e malessere generale, mancanza di appetito, nausea e vomito, alterazioni del gusto e dell’olfatto, bruciori allo stomaco, febbre, dolori ossei e muscolari, perdita dei capelli) viene evidenziato cosa si può fare, quali comportamenti adottare e tutto ciò che può essere utile ai pazienti per controllare gli effetti.

La pubblicazione continua con ben undici consigli utili, un riassunto, in pratica, delle norme igenico-comportamentali già sottolineate, fra l’altro, nel corso del trattamento chemioterapico. “In questa nuova edizione – continua Ardizzoia – abbiamo deciso di aggiungere una speciale sezione dedicata all’importanza dell’attività fisica perché siamo convinti che il mantenimento di stili di vita salutari è molto importante anche durante il percorso della chemioterapia”.
“Sono sempre più numerose – continua l’oncologo lecchese – le evidenze scientifiche che una alimentazione sana ed equilibrata e una attività fisica controllata siano di beneficio durante, e dopo, un trattamento chemioterapico : un esercizio fisico aerobico regolare, ad esempio,  una passeggiata di 30 minuti al giorno, di intensità moderata, può essere in grado di migliorare l’umore, l’affaticamento, la qualità di vita e la stessa evoluzione della malattia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento