Che cuore i lecchesi: raccolte oltre 42 tonnellate di generi alimentari

Colletta alimentare 2018 da record nel nostro territorio, migliorato il dato dello scorso anno. Insieme agli italiani hanno partecipato molti immigrati di Paesi, etnie e religioni diverse

Il cuore grande dei lecchesi ha battuto ancora una volta. Durante la Colletta Alimentare 2018 sono state raccolte oltre 42 tonnellate di generi alimentari, donate a chi ne ha bisogno.

Migliorato il numero dello scorso anno. Per l'esattezza, infatti, la raccolta ha evidenziato 42.221 kilogrammi di prodotti alimentari contro i 41.930 del 2017 (e da questi primi dati sono esclusi gli acquisti effettuati con la spesa online): sono "solo" 300 kili in più rispetto all'anno passato, ma la ventiduesima edizione della Colletta Alimentare ha fatto segnare un nuovo record per la zona nord della provincia di Lecco, a conferma che anche nel nostro territorio la storica iniziativa messa in campo dal Banco Alimentare rimane il più straordinario spettacolo di carità offerto dal popolo. E, ancora una volta, dai tantissimi immigrati - di Paesi, etnie e religioni diverse - che hanno voluto aderire alla proposta acquistando e donando, insieme a migliaia di altri lecchesi, prodotti alimentari destinati ai più bisognosi. 

L'elenco dei supermercati che hanno dato adesione

Coinvolti 38 supermercati

Sono stati 38 i supermercati e i centri commerciali della zona che, dalla prima mattinata di sabato fino a sera, hanno visto impegnati per la raccolta e lo stoccaggio dei generi alimentari circa 700 volontari, donne e uomini di ogni età e ceto sociale: pensionati, manager e impiegati, operai, casalinghe e disoccupati, gli alpini dell’Ana e gli esponenti della Protezione civile, infine gli operatori e gli assistiti dagli enti lecchesi che, nei prossimi giorni, potranno godere del gesto di gratuità dei lecchesi. Accanto a loro centinaia e centinaia di studenti, intere classi dalle elementari alle superiori mobilitate con i loro insegnanti: un movimento corale per un momento amichevole e fraterno che ha coinvolto e trascinato i clienti (e il personale) dei supermercati in questa iniziativa, convincendo anche i più disinteressati e i più critici.

È la pasta l'alimento più... "solidale"

Delle oltre 42 tonnellate di prodotti alimentari donati, picchi particolari vanno segnalati per quanto riguarda la pasta (10.668 kg), i pelati (7.158 kg), il riso (5886 kg), i legumi in scatola (5.587 kg), gli omogeneizzati (2.294 kg) e i biscotti (2.412 kg). 

Quanto raccolto nella giornata di sabato 24 novembre verrà distribuito alle strutture caritative convenzionate (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d'accoglienza, Coe, Opera Don Guanella, Caritas, Società San Vincenzo, Opera San Martino, Istituto Sacra Famiglia etc.) che in provincia di Lecco aiutano persone e famiglie bisognose. Le donazioni di alimenti vanno così a integrare quanto il Banco Alimentare recupera grazie alla sua attività quotidiana, combattendo lo spreco di cibo.

Panzeri: «Nessun dubbio, solo meraviglia»

«Non avevamo dubbi - commenta Giovanni Panzeri, responsabile della Colletta Alimentare per il nostro territorio - circa la risposta dei lecchesi, l'impegno di chi ha lavorato con le nostre pettorine gialle e di chi ha acquistato alimenti per la Colletta Alimentare. Non avevamo dubbi, ma ancora una volta siamo comunque commossi e meravigliati da questo gesto di gratuità più forte di ogni crisi economica e di ogni tentazione individualistica, di questo lampo di speranza in un momento difficile e confuso per la società italiana. Abbiamo raccolto molto, in beni da destinare ai più bisognosi: è stata una giornata meravigliosa, lo è stata soprattutto perché il primo pensiero di moltissimi è stato il dono. Vorremmo fosse così tutti i giorni. Grazie davvero a tutti i lecchesi, e a chi lecchese non è ma abita nella casa accanto alla nostra, per tutto quanto è stato e ci è stato donato».

La nuova Iperal di Mandello apre a metà dicembre

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Tragico incidente sull'A9: morto Claudio Zara, Direttore Sanitario di Synlab San Nicolò Como e Lecco

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Bimba nasce prematura in casa, intervento dei soccorsi a Vendrogno

  • Nuovo digitale terreste 2020: cosa cambia per gli utenti

Torna su
LeccoToday è in caricamento