Concorso del Fai: Corenno Plinio si merita un posto fra i "I Luoghi del Cuore"

Grazie ai voti, il borgo medioevale di Dervio si classifica al 238° posto in Italia, migliore località della provincia di Lecco. Vassena: «Gioiello del territorio»

Buon successo per Corenno Plinio nel censimento del Fai (Fondo Ambiente Italiano) "I Luoghi del Cuore", giunto alla nona edizione e del quale nei giorni scorsi sono stati pubblicati i risultati definitivi. Il borgo medioevale del Comune di Dervio si è classificato al 238° posto in Italia (risultando nettamente il luogo più votato nella provincia di Lecco), con 1.301 voti totali, fra i 37.237 luoghi votati in Italia che hanno raccolto complessivamente oltre 2 milioni di preferenze.

Hanno ottenuto una segnalazione, e sono stati votati separatamente, anche il castello di Corenno, la chiesa di San Tommaso di Canterbury e la piazza della chiesa, a ulteriore dimostrazione della bellezza di questo paesino a picco sul lago, dalle tipiche scalette in acciottolato o scavate direttamente nella roccia, la chiesa con gli affreschi trecenteschi e le arche funerarie appena restaurate, il castello, il belvedere, il percorso lungolago e quello che porta alle trincee della prima guerra mondiale, oltre al Sentiero del Viandante, e tanti scorci paesaggistici di assoluta bellezza.

Il Fai censisce "I luoghi del cuore": ma Lecco dov'è?

L'iniziativa è stata supportata dall'Amministrazione Comunale di Dervio, nel tentativo di valorizzare questo meraviglioso borgo. Nel mese di novembre, quando mancavano solo 20 giorni alla chiusura del censimento del Fai, e Corenno aveva ottenuto solo poco più di 40 voti, il sindaco Davide Vassena ha pubblicato un appello sul notiziario comunale a sostenere con il proprio voto il borgo. «Un risultato che ci riempie di soddisfazione - commenta il sindaco - e ci porta a continuare sulla strada intrapresa per far conoscere e valorizzare in modo sostenibile questo stupendo gioiello del nostro territorio. "Luoghi del cuore" è un modo di dire entrato ormai nel lessico comune e utilizzato abitualmente per indicare luoghi unici, una mappa variegata e sorprendente formata da posti speciali perché legati alla nostra identità e alla nostra memoria. Piccoli o grandi, famosi o sconosciuti, questi luoghi ci emozionano e raccontano la nostra storia personale: un sogno, una scoperta, una gioia, un rifugio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le porte si sono chiuse, la capotreno non mi ha fatto salire»

«Tutti i luoghi oggetto di segnalazione - prosegue Vassena - costituiscono una preziosa mappatura spontanea di posti tanto diversi tra loro quanto amati, fatta di paesaggi e di palazzi storici, di chiese e di fiumi, di castelli e di borghi, di ville e di botteghe storiche, di giardini e di sentieri, che rende "visibile" il sentimento profondo che lega le persone ai territori dove vivono o dove hanno vissuto esperienze importanti della loro vita. Proprio quello che lega così tante persone al borgo di Corenno Plinio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

Torna su
LeccoToday è in caricamento