menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: i sindaci non concedono le palestre per l'attività giovanile

Nonostante la circolare regionale abbia sbloccato la situazione con la modalità "porte chiuse e niente docce", le società faticano a trovare disponibilità per riprendere

I sindaci non concedono l'autorizzazione a utilizzare le palestre, l'attività sportiva giovanile non riparte. È quanto accade in alcuni paesi brianzoli per via dell'emergenza Coronavirus. Nonostante la circolare di Regione Lombardia che nel pomeriggio di giovedì ha sbloccato la possibilità di utilizzare gli impianti sportivi, a porte chiuse e senza l'utilizzo delle docce, le società stanno faticando a trovare disponibilità.

È il caso, eclatante nelle dimensioni vista la mole di ragazzi e ragazze coinvolte, del Basket Costa Masnaga. «Il problema è che, nonostante la comunicazione giunta dalla Regione - spiega il direttore generale Bicio Ranieri - nessun sindaco del territorio contattato concede la disponibilità per riprendere l'attività con le squadre amatoriali giovanili. Riaprire con l'ordine di non fare entrare nessuno in palestra o negli spogliatoi è un problema sia per le Amministrazioni sia per noi come società».

Emergenza Coronavirus: da lunedì riprendono le lezioni del Politecnico

La principale difficoltà sarebbe proprio trovare persone disponibili, in capo ai Comuni o alle società stesse, che possano prestare servizio di sicurezza negli impianti, vigilando - in ossequio alle disposizioni regionali - che nessuno acceda alle strutture durante l'allenamento. 

Tutto fermo, invece, per quanto riguarda l'attività agonistica. Il calcio, in Serie C, osserva un altro weekend di stop forzato così come la pallavolo, il basket e tutte le altre discipline.

La comunicazione della Fip

La Federazione Italiana Pallacanestro, di concerto con la Lega Basket Serie A, la Lega Nazionale Pallacanestro e la Lega Basket Femminile, preso atto dei provvedimenti governativi e regionali in tema di salvaguardia della salute pubblica, dispone la sospensione, e il conseguente rinvio, di tutte le gare del prossimo turno di Serie A, A2 e B maschile, della Serie A1 e A2 femminile. La Federazione continuerà ovviamente a monitorare con il massimo scrupolo l’evolversi della situazione sul territorio Nazionale, riservandosi di assumere ulteriori provvedimenti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento