menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il soccorso entra al "Badoni": 220 studenti abilitati all'utilizzo del defibrillatore

Si è concluso sabato un corso tenuto da undici istruttori qualificati di Soccorso degli Alpini, Soccorso Bellanese e Croce Bianca. «I ragazzi hanno manifestato grande interesse»

Sono 220 gli studenti - oltre a quattro insegnanti - dell'Istituto tecnico industriale "A. Badoni" di Lecco abilitati all'utilizzo del defibrillatore.

Si è concluso sabato 23 febbraio il corso tenuto da istruttori qualificati del territorio, scattato lo scorso 26 novembre 2018, che è valso ai ragazzi delle classi quinte un attestato regionale e diversi crediti formativi per il loro anno scolastico.

Le lezioni si sono tenute al sabato, durante la normale attività didattica, per un totale di cinque ore per ciascuna classe, e hanno dispensato nozioni di rianimazione cardiopolmonare, utilizzo del defibrillatore, disostruzione delle vie aeree. Il tutto grazie al prezioso contributo di sette istruttori del Soccorso degli Alpini di Mandello, due del Soccorso Bellanese, due della Croce Bianca di Milano e Merate.

Mandello, la perizia conferma: lo sperone sulla SP72 è pericoloso

Non è una prima volta. Al Badoni due anni fa fu tenuto un primo corso, con la formazione di 44 ragazzi. Grazie all'interesse della professoressa di educazione fisica Federica Benedum, quest'anno l'iniziativa è stata ampliata e ha interessato tutte le classi quinte.

«Un traguardo importante per i ragazzi, ma soprattutto un cospicuo numero di persone che possono essere di aiuto in caso di arresto cardiaco sul territorio - commenta a Lecco Today Giancarlo Alippi, presidente del Soccorso degli Alpini - Siamo rimasti molto soddisfatti dell'interesse dimostrato dagli studenti, anche gli insegnanti hanno confermato che l'iniziativa è stata accolta con un buon entusiasmo. Alla conclusione del corso ho detto ai ragazzi che non è fondamentale che diventino soccorritori, ma che quantomeno si avvicinino al mondo del volontariato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento