rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Replica / Valsassina / Via Roma

Niente Corti di Barzio, il sindaco: “Mai impedito l'evento”

Il sindaco Giovanni Arrigoni Battaia replica all'associazione Le Contrate: “Considerate un'altra data”

"Le Corti" di Barzio agitano il paese. L'annullamento dell'edizione 2022 è stato imputato ai tempi stretti per garantire gli standard di sicurezza richiesti. Un tema che coinvolge direttamente l'amministrazione comunale. Il sindaco Giovanni Arrigoni Battaia a ricostruire la cronistoria, sottolineando che da parte del Comune c’è stata sempre ‘la volontà di favorire l’organizzazione di un evento che riteniamo importante per il paese”, tant’è che “Il 9 novembre scorso, dopo aver saputo che l’associazione aveva rinnovato il Consiglio direttivo, ho inviato un messaggio al nuovo presidente chiedendo, fra le altre cose, se avessero intenzione di organizzare “Le Corti”. La risposta affermativa è giunta in breve tempo, con la comunicazione della data fissata per il 10 dicembre - spiega Arrigoni Battaia – contestualmente, onde evitare di perdere tempo prezioso, è stato immediatamente fissato l’incontro, che si è tenuto il giorno successivo (10 novembre), nel corso del quale sono state date alcune indicazione oltre ad aver consegnato un vademecum, predisposto dalla Polizia Locale, contenente indicazioni che fanno riferimento alle norme vigenti in materia di sicurezza per lo svolgimento delle manifestazioni (Direttiva del Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno 18 luglio 2018 - Modelli organizzativi e procedurali per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche)”.

“Tali disposizioni, visto la notevole partecipazione di visitatori all’evento (si parla di 800/1000 partecipanti), non permettono di trascurare gli aspetti della sicurezza per l’incolumità degli operatori e dei partecipanti. Abbiamo anche fornito, in base alla nostra esperienza, alcuni suggerimenti per seguire efficacemente le indicazioni e con l’occasione ho rinnovato la disponibilità del Comune ad elargire il contributo economico previsto per le nostre associazioni. Considerando il poco tempo a disposizione, ho personalmente raccomandato alla Polizia locale di rendersi disponibile nel fornire qualsiasi chiarimento venisse eventualmente richiesto”, spiega Arrigoni Battaia. Dopo l’incontro del 10 novembre, “l’associazione ha preso nuovamente contatto con il Comune solo a fine mese”.

“Con un messaggio inviatomi alle ore 23.16 del 29 novembre, il presidente de Le Contrade mi ha informato della loro difficoltà nel trovare un professionista “che firmi, o meglio riveda e approvi”, cioè predisponesse la necessaria documentazione. A quel punto mi sono attivato per trovare una soluzione e, la mattina successiva (con un messaggio inviato alle 6.20) ho proposto i nominativi di alcuni esperti del settore. Ci siamo mossi velocemente, fissando noi un incontro con il professionista individuato, tanto che l’associazione lo ha potuto incontrare già alle 18.30 del 30 novembre”.

“Perchè non considerare un'altra data?”

“In sede di incontro, il professionista che si occupa della sicurezza di varie e importanti manifestazioni sul territorio, ha illustrato (come dettomi nella telefonata di alcuni giorni dopo), per esempio, la necessità di presentare un piano di evacuazione con delle planimetrie con indicazioni delle vie di fuga,  postazioni di soccorso, dichiarazioni di conformità degli impianti elettrici, oltre all’obbligo di avere a disposizione estintori in ogni luogo in cui si sarebbe installata una bombola di gas, e degli addetti antincendio. Il professionista, avute le delucidazioni sul tipo di manifestazione, vista la documentazione presentata, in considerazione dei propri impegni, ha chiarito di non avere tempo sufficiente per redigere quanto necessario, vista la scadenza del 10 dicembre troppo vicina, ma si è comunque reso disponibile nel caso la manifestazione avvenisse in altra data”.

“A quel punto, malgrado la disponibilità ed il sostegno del Comune, è stato chiaro che organizzare l’evento per la data fissata sarebbe stato complicato. A questo punto invece chiedo: anziché cancellare la manifestazione, l'associazione non potrebbe considerare un’altra data? Magari, in via eccezionale, potrebbe posticipare l’evento in altro periodo da valutarsi assieme (ad esempio in occasione dell’Epifania). La mia è una sollecitazione ed un invito. Per quanto mi compete, io e l’amministrazione siamo stati e rimaniamo disponibili”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente Corti di Barzio, il sindaco: “Mai impedito l'evento”

LeccoToday è in caricamento