Costa bandisce la plastica: giocatrici e arbitri con la borraccia

Dal 22 gennaio la struttura sportiva sarà "plastic free". All'interno dell'impianto, nella zona degli spogliatoi, collocato un dispensatore di acqua depurata naturale, fresca e gasata

Il palazzetto di Via Verdi a Costa Masnaga

Il palazzetto di Costa Masnaga, teatro di partite del massimo campionato di pallacanestro femminile, diventa "plastic free".

A partire dal 22 gennaio 2020 il campo di gioco della struttura di via Verdi, dove si disputano la maggior parte delle partite del Basket Costa x l'Unicef di tutti i campionati Senior e Giovanili, maschili e femminili, accogliendo le indicazioni del Coni, del Ministero dell'Ambiente e grazie all'intervento del Comune di Costa Masnaga, proprietario dell'impianto, è stato dichiarato "plastic free".

Black-out allo stadio e lavori al Bione, lo sport diventa scontro politico

«Invitiamo tutte le società a dotare i loro atleti e staff di borraccia - spiegano dalla società brianzola - Lo stesso invito è esteso anche al settore arbitrale, che dovrà avvisare arbitri e ufficiali di campo di dotarsi di borraccia. All'interno dell'impianto, nella zona degli spogliatoi, troveranno un dispensatore di acqua depurata: naturale, naturale fresca e gasata fresca. Ringraziamo per la vostra collaborazione - conclude il Basket Costa - e vi auguriamo un buon proseguimento di stagione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 89 casi in Lombardia. Domenica si ferma tutto lo sport anche a Lecco

  • Coronavirus: scuole chiuse nel Lecchese, supermercati presi d'assalto. Al "Manzoni" il contagiato valtellinese

  • Coronavirus: 173 casi in Lombardia, sei decessi. Migliorano le condizioni del giovane al "Manzoni". Treni: -60%

  • In arrivo ordinanza della Regione per chiudere le scuole in Lombardia

  • Coronavirus, nuovo bollettino: quattordici contagiati, MilanoToday intervista il paziente "zero"

  • Nuova interdittiva antimafia del Prefetto: colpiti "Lungolago" e "Tabula Rosa"

Torna su
LeccoToday è in caricamento