menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cremeno tra arte e fede: ecco il dipinto dedicato a San Rocco

Realizzato da Gianfranco Combi per conto della parrocchia di San Giorgio a Martire, che potrà così partecipare al concorso pittorico. «Un esempio di altruismo»

Grazie alla passione artistica di Gianfranco Combi, la parrocchia di San Giorgio Martire a Cremeno ha avuto la possibilità di rispondere all'invito di Fratel Costantino, responsabile dell'Associazione Europea Amici di San Rocco che ha indetto il concorso pittorico "Un dipinto per San Rocco".

Il concorso richiede la realizzazione di un quadro che raffiguri una scena della vita del Santo come ben illustrato dalle parole dell'artista: «Quando mi è stato proposto di realizzare un'opera che raffigurasse la vita di San Rocco, ho iniziato a documentarmi e ad approfondire la conoscenza su questo Santo, di cui sapevo qualcosa in maniera superficiale; avevo presente soprattutto le numerose raffigurazioni presenti nelle chiese. Un episodio che mi ha colpito particolarmente è quello in cui Rocco, su invito di un Angelo, si reca ad Acquapendente per assistere e guarire gli appestati. Così ho deciso di sceglierlo come spunto per la mia illustrazione. Si trattava di comporre la scena, avevo in mente qualcosa che si distaccasse dalle classiche raffigurazioni ma allo stesso tempo rimanesse connesso all'iconografia popolare e, perché no, creasse un collegamento con il nostro tempo e al periodo di pandemia che stiamo attraversando. Ho quindi realizzato questa composizione, in cui i soggetti ruotano intorno a un San Rocco forte e impavido che presta attenzione all'Angelo, senza curarsi delle proprie piaghe e della pandemia che incalza, ma al contrario, è determinato ad aiutare chi ha bisogno: un esempio di altruismo che ritroviamo anche ai nostri giorni negli operatori sanitari, nei volontari e in tutte quelle persone che si adoperano nella lotta contro il Covid e le conseguenze che da esso derivano».

Processione di San Rocco a Cremeno, una devozione che dura da oltre 180 anni

L'opera è stata presentata ai parrocchiani durante la messa domenicale. Don Lucio Galbiati ha apprezzato l'opera pittorica e la contestualizzazione del Santo in una situazione pandemica mai così vicina a quella vissuta da San Rocco. L'opera pittorica verrà spedita presso la parrocchia di Miasino sul Lago d'Orta dove si svolgerà la premiazione del concorso. Le opere verranno poi esposte presso il Museo iconografico di San Rocco a Capriati a Volturno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento