Bloccano lo scarico delle acque meteoriche: a Dervio è guerra ai mozziconi di sigaretta

La conferma durante le operazioni di pulizia post-esondazione. Cassinelli: «Via a una campagna di controllo e sanzioni nei confronti di chi getta rifiuti e mozziconi a terra o nei tombini»

Dopo il maltempo, Dervio dichiara guerra ai mozziconi di sigaretta. Nel corso delle operazioni di pulizia post-esondazione, infatti, è emerso in modo chiaro e preoccupante che nelle tombinature c'è una presenza di rifiuti, in particolare di mozziconi di sigarette, che contribuisce a mettere in crisi tutto il sistema di scarico delle acque meteoriche.

«Bene il commissario della SS36: contiamo che lavori per le priorità del territorio»

«Chiaramente i danni dell'esondazione sarebbero stati più o meno gli stessi se lo tombinature fossero state libere - chiarisce il sindaco Stefano Cassinelli - ma l'attività di spurgo ha messo in luce l'altissima presenza di mozziconi e rifiuti in posti dove non dovrebbero essere. Proprio per questo abbiamo deciso che si darà il via a una campagna di controllo e di sanzioni nei confronti di chi getta rifiuti e mozziconi a terra o nei tombini applicando la normativa nazionale. Si tratta di rispettare il territorio in cui viviamo e abbiamo indicato alla Polizia locale di applicare le sanzioni: la legge entrata nel vigore nel 2016, con fine di sensibilizzare la collettività, ha previsto che chiunque abbandoni sul suolo i mozziconi dei prodotti da fumo va incontro a una sanzione amministrativa pecuniaria, il cui importo può andare da 60 euro a un massimo di 300 euro (Legge 28 dicembre 2015 n. 221, pubblicata in GU il 18 gennaio 2016, ndr)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune posizionerà nuovi cestini

Il divieto è esteso anche ai rifiuti di piccole dimensioni, come scontrini, fazzoletti di carta e le perniciose gomme da masticare, che non potranno più essere abbandonati "sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi". La legge prevede anche che la pubblica amministrazione provveda alla posa di congruo numero di cestini. «Allo stato attuale - prosegue il primo cittadino - i cestini, seppur in condizioni indecorose, sono presenti sul territorio; è comunque volontà di questa Amministrazione comunale procedere, compatibilmente con le risorse disponibili, all'acquisto e posa di nuovi cestini. Nei prossimi mesi, anche a livello scolastico, porteremo avanti campagne di educazione civica per sensibilizzare tutta la popolazione. Ma il primo passo da fare è quello di far applicare la legge vigente per tutelare
l'ambiente e la sicurezza pubblica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel cuore della città: trovato senza vita il Pubblico Ministero Laura Siani

  • Statale 36: violento incidente a Nibionno, gravi le condizioni di due biker

  • Si ribaltano con l'automobile all'interno dell'Attraversamento: due feriti

  • Coronavirus, arriva il bonus vacanze: ecco come funziona

  • Bisone: grave incidente davanti al benzinaio, sessantenne ricoverato in codice rosso

  • Morte Siani, gli investigatori sulle cause della scomparsa: «Prevale l'ipotesi del suicidio»

Torna su
LeccoToday è in caricamento