menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
i disegni affissi sugli alberi del lungolago cittadino

i disegni affissi sugli alberi del lungolago cittadino

I disegni dedicati ai nonni fanno bella mostra sugli alberi del lungolago

Iniziativa de "Il Giglio": i lavori sono stati realizzati dai bambini delle scuole dell'infanzia del capoluogo e dei rioni a inizio ottobre per la Festa dei nonni 2020

Il lungolago di Lecco in questi giorni si è ravvivato con colori vivaci. Si tratta dei disegni dedicati ai nonni e affissi agli alberi dai volontari over 60 dello spazio confiscato alla criminalità organizzata "Il Giglio".

I disegni, che resteranno visibili per quindici giorni da piazza Cermenati al Monumento ai Caduti a partire da venerdì 30 ottobre, si riferiscono alla bella iniziativa che ha coinvolto i bambini delle scuole dell'infanzia del capoluogo, ai quali è stato chiesto di realizzare un'opera d'arte per la Festa dei nonni 2020 celebrata a inizio ottobre. L'iniziativa giunge in un momento delicato come quello dell'epidemia di Covid-19, e acquisisce un significato ancora più grande per il rapporto speciale che lega i più piccoli agli anziani, soggetti più fragili e a rischio.

I disegni dei bambini sui cartelli stradali: «Rallenta, qui giochiamo noi»

Non solo. I nonni del Giglio hanno infatti preparato una sorpresa per tutti i bambini delle scuole dell'Infanzia di Lecco, registrando una videostoria che è stata inviata alle venti scuole partecipanti, cinque statali e quindici paritarie. L'associazione "Il Giglio" non è nuova a queste iniziative: ad esempio i mandala realizzati durante il lockdown erano stati affissi sugli alberi di Piazza Era a Pescarenico.

Tra le prime scuole che hanno partecipato, come comunicato da "Il Giglio" sulla propria pagina Facebook: l'istituto Maria Ausiliatrice, le scuole dell'infanzia Don G. Nava di Acquate, D. Chiesa di Via Ghislanzoni, Santo Stefano, Mazzucconi/Bosco di Rancio, A. Corti di Pescarenico, P. Barone di Laorca, Don Giovanni Pozzi di Castello, A. Piloni di Bonacina, E. Bonaiti di Germanedo, A. Nava di Via Belvedere, "Gli aquiloni" di Lecco, R. Spreafico di Germanedo, Papa Giovanni XXIII e Scuola Locatelli di Chiuso, Dell'Era Aldè.

Manzoni: «Patrimonio valoriale e culturale»

«Un abbraccio colorato è un bel messaggio di vicinanza e di dialogo tra generazioni - sottolinea l'assessore al Welfare del Comune di Lecco Emanuele Manzoni - I nostri nonni portano infatti con sé un patrimonio valoriale e culturale a cui le giovani generazione posso attingere. L'iniziativa è stata resa possibile grazie al lavoro importante de Il Giglio e i bellissimi disegni che per quindici giorni popoleranno il lungolago sono un segnale di speranza e di coesione in questi giorni difficili. Un grazie particolare, oltre all'equipe e ai nonni de Il Giglio, alle scuole dell'infanzia che hanno voluto aderire a questo progetto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento