rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
È bagarre / Brianza

Sacco rosso, un distributore a Santa Maria Hoè: “In ritardo per colpa dell'Unione”

Il sindaco Panzeri: “Ma il merito va proprio all'Unione”

Il nuovo distributore di sacchi rossi a Santa Maria Hoè diventa il terreno per un nuovo scontro interno all'Unione dei Comuni della Valletta. Da martedì pomeriggio, infatti, sarà possibile ritirare i sacchi al nuovo distributore del paese e il primo cittadino Efrem Brambilla ha sfruttato l'occasione che “se non ci fosse stata l’Unione della Valletta, Santa Maria Hoè avrebbe il distributore dei sacchi nel suo territorio già da almeno due anni”.

Secondo il sindaco, “nonostante le resistenze della Valletta nelle varie giunte dell’Unione ai miei continui ordini del giorno presentati in questi anni sull’argomento (forse 50?) anche il nostro paese ha finalmente il suo distributore. Vanno ringraziati gli amministratori che con forza si sono battuti per questo risultato: ricordiamo che Santa Maria Hoè ha addirittura fatto il suo progetto e lo ha portato in commissione del paesaggio da moltissimo tempo (prima di qualsiasi delibera in merito dell’Unione). Infatti siamo stati noi tra i primi a proporre a Silea i distributori automatici quando ancora eravamo tra i 6 comuni nella fase sperimentale del sacco rosso. Il nostro distributore inoltre era pronto già da anni, ma la Valletta non dava l’ok alla predisposizione a Santa Maria Hoè. Dispiace solo i ritardi causati solo dall’Unione della Valletta. Magari a qualcuno rode, ma è così, affari loro a noi non ce ne importa nulla. Noi siamo invece solari, felicissimi e pieni di vita… Mai rancorosi!”

Brambilla ha quindi aggiunto che “nel 2020/2021 ci hanno detto che volevano capire meglio il canone d’uso che avevo già concordato con Silea. Allora ho messo i soldi per acquistarlo, ci hanno detto che la decisione doveva comunque passare da loro perché poi la gestione del servizio sarebbe stata dell’Unione. Il distributore per Santa Maria Hoè nel frattempo era già pronto per essere installato. Poi ci hanno detto che si doveva attendere il bando del Pnrr che avrebbe finanziato i distributori, per cui siamo stati costretti a togliere la cifra a bilancio, perché a detta loro bisognava aspettare il bando e il suo esito. Poi prima della fine del 2022 a nostra insaputa hanno messo le cifre a bilancio per la realizzazione a La Valletta Brianza, la seduta è anche registrata e pubblica. Grazie al cielo abbiamo attuato il recesso parziale che ha permesso al comune di Santa Maria Hoè nei primi mesi del 2023 di realizzare in poco tempo, senza più l’Unione della Valletta, le opere edili e i lavori pubblici necessari per il suo allestimento”.

“Il merito è dell'Unione”

“Senza nulla togliere al fatto che un sindaco di un Comune associato possa fare una fotografia in fianco al nuovo distributore sacchi per promuovere l’attivazione di un servizio gestito dall’Unione, una informazione completa - quindi corretta - avrebbe dovuto indicare alla cittadinanza che spetta all’Unione il merito del lavoro fatto e che sarà sempre dell’Unione l’onere organizzativo per lo svolgimento del servizio”, ha ricordato il sindaco de La Valletta Brianza, Marco Panzeri.

“Vista la dimenticanza, provvediamo e diamo qualche informazione aggiuntiva:

1. il progetto di installazione di n.4 distributori (n.2 a LVB e n.2 a SMH) è stato approvato dalla Giunta dell’Unione il 04.02.2022 (siamo in attesa di conoscere il sito in cui dovrà essere installato il secondo distributore a SMH);

2. l’Unione ha predisposto le opere edili mentre i Comuni associati hanno provveduto alla realizzazione dell’impianto elettrico e sosterranno i costi della bolletta elettrica;

3. il servizio di distribuzione sacchi è di competenza dell’Unione e sarà gestito in convenzione con SILEA, per entrambi i Comuni associati, dal 2023 al 2026”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sacco rosso, un distributore a Santa Maria Hoè: “In ritardo per colpa dell'Unione”

LeccoToday è in caricamento