menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domenica di allarme sui monti lecchesi

Due slavine si staccano dai pendii pesantemente innevati: una attorno alle ore 10 in Val Biandino e la seconda poco dopo sul Resegone

Domenica che ha visto impegnato l'elicottro del soccorso alpino in due distinti episodi sulle nostre montagne. I primo ha visto coinvolti due escursionisti in Val Biandino, nel comune di Introbio, travolti da una slavina. Uno dei due è rimasto semisepolto dalla massa nevosa riuscendosi a liberare grazie all'intevento del compagno. L'elicottero levatosi prontamente in volo con gli uomini del soccorso alpino avvisato dello scampato pericolo ha fatto ritorno alla base mentre i due escursionisti riuscivano a raggiungere il rifugio Grassi.

Circa un'ora dopo altro episodio sul monte Resegone con nuova segnalazione al soccorso. L'elicottero impegnato, quello di Bergamo, ha fatto un giro di perlustrazione ma anche questa volta nessuna segnalazione di problemi ad escursionisti.

Il soccorso alpino segnala, per l'ennisima volta, lo stato di pericolo delle nostre montagne dovuto all'abbondante innevamento e alla temperatura con non ha permesso il consolidamento della neve. Questo ha spinto la Società Escursionisti Lecchesi ha tenere chiuso il rifugio Azzoni sulla vetta del Resegone per la giornata di ieri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento