Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco "Evviva il mio paese", il rap dei bambini di Esino Lario

Il brano è stato realizzato durante il corso proposto al Museo delle Grigne, dove verrà conservato come patrimonio, e lanciato durante l'inaugurazione di sabato

 

Si intitola "Evvia il mio paese" il brano realizzato dai bambini di Esino in collaborazione con Musteeno e rapologia.it.

È il risultato dell'iniziativa scattata lo scorso 11 marzo, un corso per trasformare i giovani del paese in rapper. L'obiettivo era far realizzare loro un brano per raccontarsi, un prodotto musicale, artistico e culturale che d'ora in avanti diventerà patrimonio del Museo delle Grigne come testimonianza delle generazioni più giovani. Una riflessione sul mondo giovanile attraverso uno dei modi comunicativi preferiti dai ragazzi.

A Esino un corso trasforma i giovani in rapper

L'iniziativa è stata organizzata dall'associazione Amici del museo delle Grigne onlus, nell'ambito del progetto "Wikimania Esino Lario-protagonismo culturale online e offline" finanziato da Fondazione Cariplo.

Il "battesimo" del brano, che potete ascoltare sopra, è arrivato ieri, sabato, nell'ambito del lancio di "TEDxEsinoLario". Durante la giornata è stata proposta ai visitatori la nuova veste del Museo: «Sono stati rivisti l'allestimento e i contenuti al primo piano - spiega Chiara Somajni, coordinatrice del progetto insieme a Iolanda Pensa, referente di Wikimania, e Catherine De Senarclens, assessore alla Cultura a Esino - con pannellini per bambini, introdotto le sezioni grotte, la gestione dei boschi e Wikimania, nonché un'installazione acustica dell'artista torinese Ennio Bertrand con le voci del paese, in cui è integrato il rap dei bambini».
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento