Giovedì, 13 Maggio 2021
Notizie

Avis Calolzio, eletto il nuovo direttivo: «L'impegno per il dono non è mai mancato»

Anche nell'ultimo anno segnato dal covid, il sodalizio ha continuato a promuovere la donazione di sangue e la solidarietà sul territorio: «Avanti così»

Roberta Galli, presidente Avis Calolziocorte.

L'Avis di Calolziocorte ha eletto i componenti del direttivo che guideranno l'associazione nei prossimi tre anni. Il sodalizio si è infatti riunito nei giorni per l'assemblea annuale tenutasi eccezionalmente online nel rispetto delle restrizioni anticovid. Ora il nuovo direttivo si riunirà giovedì 19 aprile per l'attribuzione delle cariche. Nell'incontro da remoto l'attuale presidente Roberta Galli ha fatto il punto sui numeri relativi alle donazioni di sangue e alle attività del sodalizio durante il 2020, dando poi spazio a una riflessione su programmi e prospettive per una delle associazioni più numerose della valle San Martino con circa 400 aderenti.

«Grazie a volontari e cittadini per il sostegno anche in questo periodo difficile»

«Il 2020, come ben sappiamo è stato un anno difficile per tutti, il virus ci ha portato via parenti, amici, momenti di svago e di socializzazione, abbiamo perso un periodo della nostra vita che sarà difficile recuperare - ha esordito Roberta Galli rivolgendosi ai volontari collegati via web - Il virus ci ha permesso però di comprende il valore dell’essenziale. Quest’emergenza ci ha obbligato a perfezionare il sistema organizzativo e a colmare le carenze gestionali. Il nostro Consiglio Direttivo si è saputo reinventare con videoconferenze e riunioni online, anche i più anziani e meno tecnologici erano ansiosi di potersi incontrare virtualmente, per condividere e poter organizzare il modo di far sentire la vicinanza dell’Associazione ai propri soci. Purtroppo sono mancati gli incontri formativi e informativi nelle scuole, le “Serate sulla Salute” rivolte alla comunità, è mancata la festa annuale del Gruppo di Erve, i festeggiamenti in grande stile del 55esimo anniversario di fondazione della nostra Comunale, le camminate organizzate con le altre associazioni del territorio calolziese ed ervese ma, a conti fatti, ciò che non è mancato è stato il valore del dono dei nostri associati che, anche se con qualche timore e restrizione, hanno continuato a donare e, a tutti loro va un grande grazie da parte di tutti i membri del Consiglio Direttivo uscente».

«Molte le iniziative, anche a distanza, per promuovere la solidarietà»

«Di riflesso anche la nostra Associazione ha continuato a donare - ha aggiunto il presidente dell'Avis Calolzio - Abbiamo donato, in piena pandemia, una macchina per la sanificazione delle ambulanze ai Volontari del Soccorso di Calolziocorte, per sollevare di qualche incombenza chi era impegnato in prima linea nel periodo più buio dell’emergenza. Abbiamo distribuito ai panettieri e ai negozi di generi alimentari dei Comuni di Calolziocorte, Erve, Carenno e Monte Marenzo 16.000 sacchetti del pane personalizzati Avia (200Kg di carta), in occasione della Giornata Mondiale della Donazione del Sangue del 14 giugno, volano per raggiungere tutti i nostri donatori e non, e promuovere il valore del dono. Abbiamo poi “acquistato” 25 zolle del nuovo campo di calcio in erba sintetica realizzato dall’Oratorio “Maria Immacolata” di Calolzio, per contribuire all’educazione sportiva dei ragazzi della nostra Comunità. A ricordo dei nostri avisini defunti e in occasione della festa del Gruppo Avis di Erve, l’11 luglio si è svolta nell’Oratorio di Erve la Santa Messa, con la deposizione dei fiori al monumento Avis. Anche se limitata alla Santa Messa e alle premiazioni, domenica 18 ottobre, presso la Parrocchia “San Martino Vescovo” di Calolziocorte, si è svolta la “Giornata del Donatore”, nella quale abbiamo ricordato il 50° anniversario della nostra Associazione».

I quattro pilastri dell'attività associativa

«I quattro pilastri sui quali si è fondato il programma di questi quattro anni di mandato sono stati: la Formazione con incontri informativi nelle scuole del nostro territorio; Informazione e propaganda con serate sulla salute e periodico Avisnews; Feste sociali ed eventi ludici; Collaborazione con le altre associazioni del territorio. Possiamo dire che, pur in modo diverso rispetto agli anni precedenti e a distanza, i quattro pilastri sono stati le fondamenta anche dell’attività svolta nel 2020 - ha aggiunto Roberta Galli - L’informazione ai nostri donatori è stata realizzata attraverso la nostra pagina facebook, lo scambio di mail, la pubblicazione di articoli sugli organi di informazione locali e la distribuzione nostro notiziario Avisnews sia in formato cartaceo, sia in formato elettronico. La formazione è stata fornita direttamente sul campo, dal Centro Trasfusionale di Lecco e dal Centro di Raccolta Avis di Bergamo, con la “sperimentazione” della donazione di plasma iperimmune, rivolta a chi ha contratto l’infezione con sintomatologia lieve o addirittura in forma asintomatica e ha eliminato il virus. L’obiettivo del progetto era ed è quello di raccogliere e conservare il plasma iperimmune per orientarlo alla produzione dell’industria farmaceutica di immunoglobuline neutralizzanti specifiche, da infondere nei soggetti malati. Molti sono stati i nuovi donatori (malati e guariti dal covid) che hanno presentato la domanda di iscrizione alla nostra Associazione per la donazione di plasma iperimmune». Spazio quindi ai numeri 2020 dell'Avis Calolzio.

Donatori e sostenitori: tutti i numeri dell'associazione

  • Donatori attivi al 31/12/2019 numero 387
  • Totale donatori attivi 377
  • Soci collaboratori 21
  • Totale soci al 31/12/2020 - 398 (maschi 249 - femmine 149)
  • Al 31.12.2019 N° 408
  • Dei 377 donatori attivi, 316 hanno effettuato almeno 1 donazione nell’arco dell’anno, mentre i
  • 61 donatori rimanenti (47 a Lecco e 14 a Bergamo) non hanno effettuato alcuna donazione per motivi sanitari o altro.
  • Nel 2020, sono 70 i donatori a Monterosso e 307 quelli a Lecco
  • La suddivisione dei gruppi sanguigni è la seguente: A+ n° 119, A – n° 16, B + n° 36, B – n° 4, 0 + n° 149, 0 - n° 36, AB + n° 16, AB - n° 1.
  • Donatori aspiranti: 39 aspiranti donatori a Lecco, più 2 donatori che hanno chiesto il trasferimento alla Comunale di Calolzio, diventando nostri nuovi donatori.
  • 4 aspiranti donatori a Bergamo.

«Nell'ultimo anno 125 donazioni in meno con 10 donatori in meno, riconducibili all’effetto covid»

Le donazioni effettuate nel corso del 2020 sono così suddivise:

  • BERGAMO MONTEROSSO: 114 sangue intero (135), 75 plasmaferesi (80) totale 189 (215) da 56 (65) donatori, per un indice di donazione di 3,37 (3,31);
  • OSPEDALE DI LECCO: 458 (546) sangue intero, 42 (53) plasmaferesi totale 500 (599) da 260 (276) donatori, per un indice di donazione di 1,92 (2,17).

In definitiva sono state effettuate 572 (681) donazioni di sangue intero, 117 (133) plasmaferesi per un totale di 689 (814) donazioni da 316 (341) donatori per un indice di donazione totale di 2,18 (2,39). «Dei dati esposti - ha precisato inoltre Roberta Galli - si evince che rispetto al 2019 abbiamo avuto 125 donazioni in meno con 10 donatori in meno, riconducibili all’effetto covid, che ha portato ad una riduzione dei donatori, per motivi di salute, e ad una riduzione delle donazioni, a volte indotta dalla minor richiesta di sangue al Centro Trasfusionale».

Attività futura

«Il futuro che ci attende è difficile da programmare, perché poco dipende da noi - ha quindi precisato il presidente dell'Avis Calolzio - Più volte è stata rinviata la Settimana dei Valori, organizzata dall’Istituto Comprensivo di Calolziocorte e ora, se le misure governative lo permetteranno, si svolgerà in maggio.
Abbiamo avuto contatti con l’Istituto Superiore “Lorenzo Rota” di Calolziocorte, per organizzare l’intervento presso le classi quarte, che molto probabilmente si terrà a inizio maggio, con la collaborazione dell’Avis di Costamasnaga. Cercheremo, se non sarà possibile ripartire, di avere contatti virtuali con i nostri donatori e di rimanere vicino alle Associazioni e alle Parrocchie locali. L’obiettivo che si prefigge per il futuro è continuare con i quattro pilastri, ma soprattutto essere più vicini ai nostri donatori (coccolarli un po’ di più) che sono la vera linfa vitale dalla nostra Associazione. Giunta al termine di questo mio primo mandato, desidero ringraziare tutti i donatori, i membri del consiglio direttivo e gli amici dell’Avis, che in modi diversi hanno dato il loro contributo e hanno offerto la loro collaborazione per il buon funzionamento e gli ottimi risultati conseguiti da questa Associazione».

Ecco infine i nomi degli eletti nel nuovo Consiglio direttivo. A loro si aggiunge Silvia Butti, eletta negli organi di controllo del sodalizio.

I nomi degli eletti nel Direttivo dell'Avis Calolzio

  • Antozzi Manrico;
  • Bolis Adriana;
  • Bolis Claudia;
  • Cattaneo Alberto;
  • Cattaneo Giovanni;
  • Cattaneo Lionello;
  • Cattaneo Mario;
  • Frigerio Dario Edoardo;
  • Galli Roberta;
  • La Marca Mirko;
  • Magi Sabrina;
  • Mapelli Adelio;
  • Nava Miriam;
  • 14.Piccinini Andrea;
  • Riva Pierfrancesco;
  • Rosa Paolo;
  • Sala Eleonora;
  • Talarico Giuseppe.

Calolzio: è tornata a casa l'oca Giorgia, rubata un mese e mezzo fa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis Calolzio, eletto il nuovo direttivo: «L'impegno per il dono non è mai mancato»

LeccoToday è in caricamento