menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche a Erve contributi per le attività messe in crisi dal covid: in totale 20.000 euro

Grazie ai fondi dello Stato e al bando del Comune, ogni singolo commerciante o artigiano del paese potrà ricevere fino a 2.000 euro. Altri fondi saranno stanziati per il 2021 e 2022

Un altro comune della Valle San Martino aiuta negozi e attività locali messi in difficoltà dalla pandemia. «Grazie ai soldi stanziati dallo Stato tramite il fondo "Aree interne" per zone montane e piccoli comuni, anche Erve potrà erogare un contributo significativo a sostegno di attività economiche, artigianali e commerciali - rende noto il sindaco Giancarlo Valsecchi - Per quest'anno la cifra complessiva ammonta a 20.000 Euro, con possibilità di arrivare fino a 2.000 euro di finanziamento per ogni richiedente. Saranno poi previsti anche altri aiuti per il 2021 e 2022. Sul sito internet del Comune è possibile trovare il bando completo nel quale vengono indicati requisiti e procedure per accedere al fondo». Le cifra per i prossimi due anni dovrebbe essere pari, rispettivamente, a 13.000 euro, per un totale di 46.000 euro su tutto il triennio.

Dopo lo sportello Postamat ora tocca a internet veloce, Erve punta sui servizi

«Come previsto dal Dpcm del 24 settembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 dicembre scorso, il Comune di Erve è risultato assegnatario di una quota del fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali presenti sul territorio - si legge nel bando predisposto dall'Amministrazione - Il Fondo prevede interventi su tre annualità. Per la prima è prevista una cifra pari a 20.904 euro».

Ecco alcuni dei requisiti richiesti per ottenere i contributi a fondo perduto: «I contributi sono riconosciuti alle attività economiche, artigianali e commerciali attive almeno dal 1° gennaio 2020 con unità operativa ubicata nel comune di Erve. Queste devono essere regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese, non devono trovarsi in stato di liquidazione o soggette a procedure di fallimento, e risultare in regola con la normativa antimafia». Rientrano tra le spese ammissibili a contributo quelle effettivamente sostenute nell’anno 2020 e riferite alla stessa annualità per canoni di locazione o mutui, o per la gestione dell’emergenza Covid-19 (come le spese di acquisto dei dispositivi di protezione individuale e di sanificazione degli ambienti di lavoro).

Il valore di ogni singolo contributo

«Il contributo massimo che può essere concesso a ciascuna attività economica è di 2.000 euro se attività con sede nelle frazioni del comune - si legge inoltre nel bando - Il contributo è cumulabile con ogni altra misura statale e regionale prevista a sostegno della ripresa economica a condizione che la somma delle agevolazioni alla singola impresa non superi il limite del 100% delle spese sostenute. Il contributo sarà erogato fino a concorrenza massima delle risorse finanziarie disponibili con eventuale riproporzionamento in base al numero di domande pervenute. In caso di debito (certo, liquido, esigibile) a carico del soggetto richiedente a favore del Comune di Erve (sia di natura tributaria che patrimoniale), si provvederà affinché l’importo del contributo concesso venga decurtato dall’importo del debito».

I termini

La domanda deve essere presentata dal soggetto che ha la legale rappresentanza dell’attività o dal soggetto delegato utilizzando il modello allegato nel bando. Alla domanda dovrà essere unita, a pena di inammissibilità, la documentazione richiesta nel modello stesso. Le domande di contributo possono essere presentate : 1) Con pec, in formato pdf, firmate dal responsabile legale o soggetto delegato, all’indirizzo: comune.erve@pec.regione.lombardia.it utilizzando apposita modulistica predisposta dall’Amministrazione comunale e allegata al presente bando; 2) Con consegna a mano presso gli uffici comunali, previo appuntamento. La presentazione delle domande dovrà avvenire improrogabilmente entro il 6 aprile prossimo.

Per tutti i dettagli sulla documentazione, i termini e i precisi requisiti richiesti dal bando è possibile vedere la documentazione completa pubblicata sul sito internet del Comune di Erve, oppure richiedere ulteriori informazioni al numero di telefono 0341607777, Responsabile Area Affari Generali Monica Bolis.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento