rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Notizie

Diesel Euro 3: deroghe per fasce più deboli e incentivi per la sostituzione dei veicoli

La Giunta regionale approva ulteriori misure per il miglioramento della qualità dell'aria con disposizioni temporanee. Nuovo meccanismo per il fermo dei mezzi. Tutte le novità

La Giunta regionale ha approvato ulteriori misure per il miglioramento della qualità dell'aria con nuove disposizioni temporanee e ulteriori deroghe - oltre a incentivi per la sostituzione - inerenti la circolazione dei veicoli Euro 3 diesel che vanno a integrare il piano approvato nel luglio scorso. 

La volontà del Pirellone è non penalizzare troppo i cittadini. «Si tratta di un ulteriore perfezionamento della delibera - ha spiegato l'assessore all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo - che permetterà di tenere conto di particolari situazioni evitando di penalizzare inutilmente i cittadini. In Lombardia stiamo andando avanti nel percorso di miglioramento della qualità dell'aria, combattendo gli inquinanti che provocano lo smog e non la mobilità. Allo stesso tempo stiamo anche tenendo conto delle specifiche esigenze dei possessori di veicoli, sia privati che imprese, per evitare che questi disagi si scarichino sulle fasce più deboli del nostro tessuto sociale. Le nuove regole avranno un impatto bassissimo, non superiore al 2%, sull'efficacia delle politiche perché si tratta di un numero molto contenuto di mezzi».

Cosa prevedono le nuove regole

Per quanto riguarda i diesel Euro 3 sono state previste deroghe per:

  • i veicoli per il trasporto di persone appartenenti a soggetti con ISEE inferiore a 14.000 euro (qualora non possessori di altro veicolo non soggetto a limitazioni); 
  • i veicoli di proprietà per il trasporto di persone e condotti da persone che abbiano compiuto il 70° anno di età (qualora non possessori di altro veicolo non soggetto a limitazioni); 
  • autoveicoli per trasporti specifici e per uso speciale come previsto dell'articolo 54 del Codice della Strada (autoveicoli per il soccorso stradale, autospazzaneve, autoambulanze eccetera...); 
  • veicoli i cui proprietari siano in attesa di consegna di un nuovo veicolo non sottoposto alle limitazioni regionali alla circolazione vigenti e in grado di esibire idonea documentazione che attesti l'avvenuto acquisto da parte dell'intestatario del mezzo stesso; 
  • veicoli appartenenti alle associazioni o società sportive iscritte a federazioni affiliate al CONI o altre federazioni riconosciute ufficialmente, o veicoli privati utilizzati da iscritti alle stesse con dichiarazione del presidente indicante luogo e orario della manifestazione sportiva nella quale l'iscritto è direttamente impegnato e quelli utilizzati da arbitri o direttori di gara o cronometristi con dichiarazione del presidente della rispettiva federazione indicante luogo e orario della manifestazione sportiva nella quale l'iscritto è
  • direttamente impegnato.

Le deroghe temporanee si applicano alla stagione invernale 2018/2019, con termine di applicazione al 31 marzo 2019 e hanno validità immediata.

Revisione dei "blocchi" del traffico

Il provvedimento prevede anche che le procedure di applicazione dei livelli di attivazione e disattivazione delle misure temporanee di primo e secondo livello (che scattano dopo cinque giorni consecutivi in presenza di valori superiori ai 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili) tengano conto di eventuali previsioni meteorologiche non univoche e convergenti, sulla base degli scenari di qualità dell'aria previsti. 

È stato inoltre previsto di adeguare le procedure di "rientro al livello verde" di nessuna allerta. Il controllo dei dati rilevati dalle stazioni avverrà quotidianamente, a partire dal 1° dicembre 2018, senza aspettare il lunedì o il giovedì per l'eventuale eliminazione dei blocchi. Le nuove misure approvate saranno inserite sul sito
istituzionale www.regione.lombardia.it.

Tutto registrato in una "scatola nera"

L'assessore Cattaneo ha spiegato che la Regione sta lavorando affinchè dal 1 ottobre 2019, al posto del meccanismo dei blocchi per categorie di omologazione, «ne scatti un altro legato all'effettivo potenziale inquinante di ogni singolo veicolo». Basterà dunque installare una sorta di scatola nera «per georeferenziare gli spostamenti e misurare quando e dove vengono fatti i singoli km. Con un sistema di analisi di questi dati - ha continuato Cattaneo - sarà possibile correlare la percorrenza autorizzata di ogni singolo veicolo alle condizioni reali del traffico».

Stop ai Diesel Euro 1 e 2: la mappa delle "zone franche" a Lecco

Uno dei limiti reali dell'applicazione dei livelli di omologazione è infatti che questi sono teorici e le emissioni reali molto più alte. Con la scatola nera, invece, ad esempio, un veicolo diesel euro 3 che fa mille km l'anno potrà circolare, mentre sarà fermata un'auto di una classe inquinante superiore che percorre però 50.000 km l'anno inquinando sicuramente di più.

6,5 milioni per passare al "nuovo"

Buone notizie anche per quanto riguarda gli incentivi. «Noi crediamo molto - ha continuato Cattaneo - che siano più gli incentivi che i divieti a spingere le persone a comportamenti virtuosi. Per questo, con le poche risorse che abbiamo a disposizione, abbiamo stanziato ulteriori 500.000 euro per la sostituzione dei veicoli commerciali N1 e N2 portando la dotazione finale a 6,5 milioni di euro». Il contributo massimo erogabile è di 6.000 euro. 

L'assessore ha anche spiegato di aver già chiesto che nel bilancio del prossimo anno siano previsti incentivi per la sostituzione dei veicoli privati. «Ho trovato molta sensibilità - ha detto - da parte del presidente Fontana e dell'assessore al Bilancio Caparini. Il Bilancio di previsione che abbiamo approvato ieri contiene risorse significative, pari a circa 15 milioni di euro, per incentivi più ampi. Mi aspetto che anche il Governo faccia la sua parte: ha una splendida occasione per mettere a disposizione risorse adeguate per un obiettivo così importante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diesel Euro 3: deroghe per fasce più deboli e incentivi per la sostituzione dei veicoli

LeccoToday è in caricamento