rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
A chi vanno i soldi / Valmadrerese e Riviera Ovest / Via Cristoforo Frà, 6

Fondi dall'Europa per le scuole lecchesi: soldi a dieci Istituti

Il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato le graduatorie definitive: valutate complessivamente 18 domande

Settecentocinquantamila euro alle scuole dell'infanzia lecchesi. Sono quelli destinati dal Ministero dell'Istruzione nell'ambito dell'avviso "Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia" pubblicato a fine maggio: “Gli interventi sono volti all’adeguamento degli ambienti di apprendimento delle scuole dell’infanzia statali per poter garantire lo sviluppo delle abilità cognitive, emotive e relazionali dei bambini nei diversi campi di esperienza previsti dalle Indicazioni nazionali per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione e in coerenza con le Linee pedagogiche per il sistema integrato zerosei”, spiegano da Roma.

Nel corso della settimana sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati all’interno dei Fondi Strutturali Europei 2014-20: il bando prevede un finanziamento massimo di 75mila euro per ciascuna scuola ed è destinato agli istituti delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.

Per quanto riguarda il nostro territorio, il finanziamento è stato autorizzato in favore di:

  • I.C. A. Stoppani Lecco 3
  • I.C. Galbiate
  • Istituto Comprensivo Di Merate
  • I.C. Falcone-Borsellino Lecco 1
  • I.C. Valmadrera
  • I.C. Molteno
  • I.C. Mons. L. Vitali Bellano
  • I.C. Agostino Di I. Cassago B.
  • I.C. M. D'Oggiono Oggiono
  • I.C. Casatenovo

Valutate anche le domande di I.C. Cernusco Lombardone, I.C. G.Carducci Olginate, I.C.S. Don Piero Pointinger (La Valletta Brianza), I.C. Calolziocorte, I.C. Barzanò, I.C. Olgiate Molgora, I.C. S. Giov. Bosco Cremeno, I.C.S. Don G. Ticozzi - Lecco 2. “Esprimo soddisfazione - sottolinea il sindaco di Valmadrera Antonio Rusconi - perché questo sostegno permetterà ulteriori miglioramenti nell’attività didattica, già di valore, delle nostre scuole. Un sentito ringraziamento alla professoressa Teodora Carlino per l’opera svolta come dirigente in questi anni”. 

“Alle scuole della provincia di Lecco sono stati assegnati complessivamente 8 milioni di euro dal Ministero dell’Istruzione nell’ambito del Piano Scuola 4.0 - spiega invece il referente provinciale della Lega Daniele Butti -. Il provvedimento fortemente voluto dalla Lega e dal sottosegretario all’istruzione Rossano Sasso prevede la trasformazione di classi tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento e la creazione di laboratori per le professioni del futuro. A disposizione di ogni istituto ci saranno strumenti di accompagnamento, come il Gruppo di supporto al Pnrr, costituito al Ministero dell’Istruzione e negli Uffici Scolastici Regionali. Grazie alle risorse del 'Piano Scuola 4.0', Si potranno utilizzare i finanziamenti per la realizzazione di spazi fisici e digitali di apprendimento innovativi negli arredi e nelle attrezzature e per sviluppare metodologie e tecniche di insegnamento in linea con la trasformazione degli ambienti, in modo da potenziare l’apprendimento e lo sviluppo di competenze cognitive, sociali ed emotive degli studenti. Ogni singola scuola, potrà scegliere come utilizzare questi fondi e i dirigenti scolastici, in collaborazione con l’animatore digitale e il team per l’innovazione, potranno costituire un gruppo di progettazione insieme a docenti e studenti per pianificare gli interventi. 
Questo è un passo deciso verso una scuola moderna, vicina alle esigenze delle famiglie ed estremamente inclusiva”.

L'avviso pubblico per scuole dell'infanzia

L’avviso, pubblicato il 27 maggio, è finanziato con risorse Pon e React Eu, in coerenza con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). “L’obiettivo è innovare la didattica anche nella Scuola dell’infanzia, tramite la creazione di ambienti che consentano, già dalla fascia di età 3-6 anni, l’acquisizione, da parte delle bambine e dei bambini, delle prime abilità nel pensiero critico, nel problem solving, nel pensiero computazionale, nella collaborazione, nella comunicazione, nella creatività, nell’alfabetizzazione tecnologica, nelle Stem (le discipline scientifiche - Science, Technology, Engineering and Mathematics). Spazi di apprendimento e strumenti adeguati garantiscono lo sviluppo delle abilità cognitive, emotive e relazionali nei diversi campi di esperienza previsti dalle Indicazioni nazionali per la Scuola dell’infanzia e per il Primo ciclo di istruzione, secondo quanto previsto dalle Linee pedagogiche per il sistema integrato zero-sei. Gli interventi riguardano l’allestimento e/o l’adeguamento di arredi (nella percentuale massima del 60%), attrezzature digitali e attrezzature didattico-educative e dovranno essere realizzati tempestivamente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi dall'Europa per le scuole lecchesi: soldi a dieci Istituti

LeccoToday è in caricamento