rotate-mobile
Notizie Alto e Basso Lago

Frana di Fiumelatte, “i soldi del Pnrr servono per prevenire questi problemi”

Roberto Fumagalli, presidente del Circolo ambiente "Ilaria Alpi", commenta i gravi danni di venerdì

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Non scopriamo certo ora, con la frana verificatasi venerdì a Fimelatte, tra Lierna e Varenna, che viviamo in una delle aree più fragili dal punto di vista idrogeologico.
Tutto il nostro territorio, e in particolare quello afferente al lago di Como - sia nell'area lecchese che in quella comasca - è a rischio frane e smottamenti.
L'abbiamo visto nell'estate 2021 con quanto successo sulla sponda comasca - in particolare nei comuni di Laglio, Cernobbio, Blevio - in coincidenza con forti precipitazioni.
Lo stiamo vedendo in questi ultimi mesi nel territorio lecchese, prima con la frana che ha interrotto la Lecco-Ballabio, e ieri con lo smottamento che ha sfondato la volta della galleria a Fiumelatte.

Il nostro è un territorio fragile, i segnali sono inequivocabili. Quello che serve è una maggiore attenzione e rispetto per la natura.
Spesso però si agisce in maniera opposta.
C'è chi invoca i fondi del Pnrr per ipotizzare nuove infrastrutture stradali o addirittura opere inutili e dannose qual è il teleriscaldamento (legato ancora al forno inceneritore di Valmadrera!).
Parlando di montagna, c'è chi vorrebbe utilizzare altri soldi pubblici per nuove piste da sci e innevamento artificiale, come ad Artavaggio o sul monte San Primo.

Invece i fondi andrebbero utilizzati piuttosto per prevenire il dissesto idrogeologico. Ma soprattutto bisogna evitare nuova cementificazione, per non mettere a rischio abitanti ed edifici.
Il risultato lo vediamo purtroppo in questi giorni in Emilia Romagna, dove la causa dei danni non sono le piogge torrenziali o i fiumi 'assassini' (sic!), bensì la dissennata gestione del territorio, ovvero le valangate di cemento per capannoni, case, strade.
Tutto il territorio padano e pedemontano è a rischio; invece qui si concentrano le tre regioni più cementificate d'Italia, nell'ordine: Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.
Bisogna dire stop al nuovo consumo di suolo, serve ridare spazio ai fiumi, occorre rispettare la natura delle montagne.  
Questo lo diciamo dopo aver attraversato un anno e mezzo di gravissima siccità che, altrettanto, ha messo in ginocchio i nostri territori.
I segnali della natura vanno rispettati: dobbiamo attenerci alla conformazione del territorio e dare più spazio agli elementi della natura, in primis fiumi e montagne. 
 
 
Roberto Fumagalli,  presidente del Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana di Fiumelatte, “i soldi del Pnrr servono per prevenire questi problemi”

LeccoToday è in caricamento