menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli abbadiensi suggellano 15 anni di gemellaggio a Gensac - La Pallue

Delegazione lariana ospite dei "cugini" francesi: portato un palo con le distanze chilometriche da Abbadia da piazzare nel paese. In cambio, 15 bottiglie di prestigioso cognac

È davvero una grande amicizia quella che lega ormai i comuni di Abbadia Lariana e Gensac - La Pallue, tanto da poterla definire una bellissima "alchimia": di ritorno dal soggiorno che si è tenuto in terra francese, gli abitanti di Abbadia Lariana hanno ringraziato gli amici transalpini per la magnifica accoglienza a loro riservata durante i tre giorni che hanno visto i festeggiamenti congiunti per i 15 anni di gemellaggio.

Abbadia: il Centro Sport brilla a Cesenatico

Il gruppo, capitanato dal vicesindaco Domenico Aiello, è stato accolto dal sindaco francese Bernard Mauzé insieme al presidente del locale Comitato Gemellaggi, Francis Cousaert. Durante il soggiorno, i partecipanti hanno scoperto il procedimento per ottenere il celebre liquore e a seguire una degustazione nell'azienda "Grand Marnier", celebre per aver unito il Cognac al sapore di arancia amara; hanno quindi visitato il castello di Bouteville, non lontano da Gensac, entrato da poco tra i progetti finanziati dallo stato francese per un importante recupero strutturale; infine la visita alla ditta Grégoire (recentemente acquisita da un gruppo italiano con sede a Treviglio, celebre per la produzione di trattori come per esempio Same e Lamborghini) produttrice di imponenti macchine agricole destinate ai viticoltori.

Il viaggio si è svolto nel migliore dei modi e a corollario delle intense giornate di scoperta del territorio sono state organizzate serate di convivialità e ufficiali per suggellare l'unione. Entrambe i gruppi italiani e francesi si sono dimostrati molto affiatati e questo ha permesso di rinnovare l'amicizia volta al sedicesimo anno.

Scambio di regali simbolici

Il gruppo lariano ha donato al Comune gemello un palo con alla sommità delle frecce che indicano la direzione delle capitali francese, italiana e ovviamente di Abbadia Lariana con le distanze che le dividono da Gensac, pronto da posizionare in qualche spiazzo del paese della Charente.

I gemelli francesi invece hanno realizzato artigianalmente un lungo contenitore in legno capace di contenere ben 15 bottiglie ognuna contenente una diversa annata di cognac: una per ogni anno di gemellaggio.

«Grande amicizia»

«Ha davvero un enorme valore simbolico che va oltre quello economico - dice Alberto Spagnolo vice presidente del comitato gemellaggi lariano - infatti, invecchiato, questo liquore assume un valore enorme, ma conserveremo questo dono con gelosia e parsimonia assoluta. Questo oggetto rappresenta una grande amicizia che è destinata a durate per ancora molto tempo: gli amici di Gensac dovranno darci ancora molte bottiglie nei prossimi anni!»

Di ritorno dal viaggio, i componenti del Comitato Gemellaggi hanno ricevuto molte adesioni dei partecipanti disposti a entrare a far parte del Consiglio direttivo che verrà nominato nuovamente dopo le imminenti elezioni comunali con rinnovato spirito di proseguire il sodalizio. L'appuntamento con i gemelli francesi è rimandato al 2021 quando verranno ospitati in terra lariana, mentre il prossimo anno il Comitato di Abbadia viaggerà verso Bosonohy, in Repubblica Ceca, l'altro paese gemello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento