menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giglio, oltre 400 manufatti realizzati per i progetti "Viva Vittoria" e Mato Grosso

Realizzati quadrotti di lana ai ferri o all'uncinetto recanti il proprio nome per dire no alla violenza contro le donne, e coperte e altri accessori in lana per un orfanotrofio del Perù

84 copertine di lana, 94 piccoli capi di abbigliamento, tra i quali golfini, gilet, poncho, sciarpe e berrette, e 251 quadrotti di lana: questo il frutto dell'adesione del Giglio di Pescarenico ai progetti Mato Grosso Perù e Viva Vittoria, rilanciati nel corso del mese di novembre scorso a tutti gli affezionati del servizio, per una sfida di ingaggio e solidarietà raccolta da moltissimi.

Anche grazie ai "kit lana" distribuiti dagli operatori del Giglio durante le festività, è stata infatti massiccia la risposta alla richiesta di realizzare quadrotti di lana ai ferri o all'uncinetto delle dimensioni di 50x50 cm recanti il proprio nome per Viva Vittoria, oltre che coperte e altri accessori in lana, per un orfanotrofio del Perù, attenzionato e supportato dall'associazione Operazione Mato Grosso.

«Anche in questa fase di distanziamento fisico - sottolinea l'assessore al Welfare del Comune di Lecco Emanuele Manzoni - Il Giglio ha mantenuto e rinsaldato legami con le persone che normalmente frequentano questo spazio sociale. Lo ha fatto rilanciando con nuove proposte che riguardano temi come la solidarietà e i diritti e che hanno dato risultati importanti. Azioni e gesti concreti che permettono di alzare lo sguardo e guardare lontano, creando una connessione tra esseri umani quanto mai importante nel momento storico che stiamo vivendo».

I disegni dedicati ai nonni fanno bella mostra sugli alberi del lungolago

"Viva Vittoria" è un'opera relazionale condivisa che nasce per dire "no" alla violenza contro le donne. I quadrotti raccolti a Lecco dal Giglio andranno infatti a unirsi ai quadrotti realizzati in tutte le altre città d'Italia, che ugualmente hanno aderito al progetto, in vista dell'evento inizialmente programmato per marzo a Milano in piazza Reale e ora rinviato al 2 ottobre, dove saranno esposte tante coperte, formate da 4 quadrotti ciascuna, realizzati da "mani diverse". All'iniziativa hanno aderito anche gruppi e persone residenti al di fuori del territorio comunale Lecco che hanno appreso del progetto attraverso i canali social del servizio.

I manufatti realizzati per il progetto lanciato da Operazione Mato Grosso hanno invece contribuito al sorriso dei bambini dell'orfanatrofio di Yanama sulla Cordillera Blanca in Perù, per un impegno che continuerà, grazie alle spedizione periodiche di materiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Lecco e la Lombardia da oggi tornano in zona arancione: in vigore nuovi divieti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento