rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Giusto riconoscimento

È nata la Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini

Sarà celebrata il 26 gennaio di ogni anno. Ecco perchè

Gli Alpini avranno la loro giornata. Martedì 5 aprile, con 189 voti favorevoli, nessuno contrario e un solo astenuto, il Senato ha approvato in via definitiva, il disegno di legge che ha portato all'istituzione della Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini ed era già stato approvato dalla Camera. L'Assemblea di Palazzo Madama ha confermato anche la scelta della data proposta, ovvero il 26 di gennaio.

 "È un voto che ci riempie di un orgoglio più che legittimo - ha spiegato Sebastiano Favero, Presidente dell'Associazione Nazionale Alpini - non solo per il consenso praticamente unanime con cui il Ddl è stato approvato, ma anche per la data individuata per la celebrazione, ovvero il 26 di gennaio, che coincide con l'anniversario della battaglia di Nikolajewka, il drammatico ed eroico episodio del 1943 assurto a simbolo del valore e dello spirito di sacrificio delle penne nere. È la conferma del grandissimo credito di cui gli Alpini godono nel nostro Paese e dell'apprezzamento unanime e trasversale per la dimostrazione di impegno, solidarietà, riconciliazione e spirito di pace che contraddistinguono le penne nere da oltre un secolo”.

La gioia di Paolo Arrigoni e Antonella Faggi

“Oggi il sì del Senato, dopo quello unanime alla Camera nel 2019, segna l'approvazione del Ddl che istituisce la Giornata nazionale della memoria e del sacrificio alpino. Si tratta di una pagina importante scritta dal Parlamento italiano e la Lega è orgogliosa di aver proposto un'iniziativa legislativa che rende onore al valore e al sacrificio di un Corpo militare da sempre punto di riferimento per i cittadini italiani. Emblematica è la scelta della data del 26 gennaio, giorno in cui ricorre l'anniversario della battaglia di Nikolajewka e della ritirata di Russia, una tragedia che lascia inciso per sempre nella storia del nostro Paese l'immenso valore e il sacrificio eroico messo in campo dal Corpo degli Alpini”, hanno spiegato comunicano i senatori lecchesi della Lega Paolo Arrigoni e Antonella Faggi.

“A gennaio del 1943 furono circa 40.000 gli Alpini che rimasero indietro e morirono nella neve, dispersi o catturati. Un impegno e un esempio, quello degli alpini, che ancor oggi risplende attraverso le attività della Associazione Nazionale Alpini e che a seguito dell’istituzione della Giornata, anche dalla nostra Provincia, dai Comuni e dagli istituti scolastici potrà essere promosso e riconosciuto tramite cerimonie, eventi, incontri o conferenze sull’importanza della difesa della sovranità nazionale, delle identità culturali e storiche, della tradizione e dei valori etici e di solidarietà e di partecipazione civile che essi incarnano”, hanno aggiunto i due rappresentanti del carroccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È nata la Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini

LeccoToday è in caricamento