rotate-mobile
l'iniziativa solidale

Lecchesi, sabato 11 febbraio donate i medicinali ai meno fortunati

Torna anche a Lecco la Giornata del farmaco, che quest'anno coinvolgerà 46 farmacie del territorio in cui saranno presenti i volontari di Banco Farmaceutico

Torna anche a Lecco la Giornata del farmaco, che quest'anno coinvolgerà 46 farmacie del territorio, dove sabato 11 febbraio saranno presenti i volontari di Banco Farmaceutico. I medicinali raccolti sosterranno alcune realtà lecchesi che si prendono cura dei bisognosi.

Serviranno, soprattutto, analgesici e antipiretici, antiinfiammatori per uso orale, preparati per la tosse, farmaci per dolori articolari e muscolari, antimicrobiotici intestinali e antisettici.

Durante l'edizione 2022 a Lecco sono state raccolte 3.451 confezioni (pari a un valore di oltre 26mila euro) che hanno aiutato 5.296 ospiti di otto enti. In Lombardia, nel 2022, sono state raccolte 133.528 confezioni di farmaci in 1.252 farmacie, per un valore di 1.097.891 euro. I medicinali raccolti hanno contribuito a curare oltre 81mila persone aiutate da 401 realtà caritative del territorio regionale.

Gli enti coinvolti nel Lecchese

I farmaci raccolti nel Lecchese sono destinati ai seguenti enti o associazioni operanti sul territorio:

    • La Nostra Famiglia di Bosisio Parini
    • Caritas decanale di Lecco
    • Caritas - Centro di ascolto di Oggiono
    • Società San Vincenzo de’ Paoli di Lecco
    • Cooperativa L’Arcobaleno
    • La Bussola cooperativa Il Sentiero di Merate
    • Comunità Casa la Vita di Lecco 
    • Solleva cooperativa sociale di Robbiate e La Valletta

Così a livello nazionale

L'iniziativa, a livello nazionale, è possibile grazie al sostegno di oltre 18mila farmacisti (titolari e non) che oltre a ospitare la Grf la sostengono con erogazioni liberali. Anche quest'anno sarà supportata da più di 22mila volontari. Le farmacie coinvolte sono in totale 5.200.

I farmaci raccolti (nel 2022 sono state 479.470 confezioni, per un valore di 3.819.463 euro) saranno consegnati a 1.800 realtà assistenziali che si prendono cura di almeno 400mila persone in condizione di povertà sanitaria offrendo gratuitamente cure e medicine.

"Segnale di speranza"

"La crisi internazionale ha causato un aumento del costo della vita che si ripercuoterà sulle famiglie povere, sulle stesse realtà assistenziali a cui si rivolgono quando hanno bisogno d’aiuto, ma anche su tante famiglie non povere. Donare un farmaco per chi non può permetterselo è un modo per esprimere, attraverso un semplice gesto di gratuità, il meglio della nostra umanità e per dare un segnale di speranza; una speranza di cui la nostra società, scossa prima dal Covid e ora dalla guerra alle porte dell'Europa, sente forte il bisogno, e che riecheggerà forte, sabato 11 febbraio (il giorno più importante della settimana di Raccolta), anche in occasione della Giornata Mondiale del Malato" ha dichiarato Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecchesi, sabato 11 febbraio donate i medicinali ai meno fortunati

LeccoToday è in caricamento