rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Notizie Oggiono

Amore per gli animali senza confini: le guardie ecozoofile di Lecco e Como in appoggio a Monza e Milano

Le coordinatrici Diana Rigamonti e Debora Masciari da qualche settimana sono di supporto al coordinatore Fabio D'Aquila e ai colleghi: già effettuate decine di interventi

L'amore per gli animali non ha confini: le guardie ecozoofile di Lecco e Como corrono in supporto dei colleghi di Monza e Milano. La collaborazione è partita qualche settimana fa, in concomitanza con l'estate e il crescente numero di interventi nei (vasti) territori limitrofi alla nostra provincia.

La coordinatrice della guardie Oipa Lecco-Como Diana Rigamonti e la sua vice, l'oggionese Debora Masciari, si sono così affiancate agli agenti dei gruppi di Milano e di Monza Brianza nell'attività quotidiana.

"È un grande impegno per noi - racconta Debora Masciari a Lecco Today - Per esempio martedì siamo usciti la mattina alle 9 e siamo rientrati alle 22 per una lunga serie di interventi. L'uscita ci serve anche per valutare altre situazioni nelle quali magari ci imbattiamo mentre ci spostiamo da una situazione all'altra. D'estate aumentano i casi di cani lasciati sotto il sole, abbandonati o di altri animali maltrattati. Il coordinatore di Milano e Monza Brianza Fabio D'Aquila ci ha chiesto di aiutarli soprattutto per cercare di accorciare i tempi degli interventi".

La collaborazione è partita da qualche settimana: sono già più di una decina gli interventi - tra cani gestiti in maniera impropria, mancata iscrizione all'anagrafe canina e di altro genere - effettuati fra Milano e Monza. "Ad esempio martedì abbiamo riscontrato la violazione di alcuni articoli di legge da parte di un uomo che custodiva nella sua proprietà conigli, oche, cani, gatti e uccelli, quindi lo abbiamo sanzionato".

Da inizio anno 40 interventi nel Lecchese

E sul nostro territorio? Gli interventi non mancano - 40 da inizio anno in provincia di Lecco e circa 80 nel Comasco - anche se negli ultimi tempi le segnalazioni si sono diradate: "Non vuol dire che non ci siano più, ma la nostra presenza costante ha prodotto una maggiore cura - prosegue Masciari - I proprietari degli animali prestano più attenzione perché temono di incorrere in sanzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amore per gli animali senza confini: le guardie ecozoofile di Lecco e Como in appoggio a Monza e Milano

LeccoToday è in caricamento