rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Notizie Mandello del Lario / Piazza Leonardo Da Vinci, 6

"La-qui-la", le Moto Guzzi in vetrina diventano un museo itinerante

Ben 48 attività commerciali di Mandello hanno esposto motociclette o stampe delle due ruote: l'assessorato al Turismo ha fatto realizzare una cartina creando così un itinerario

La Moto Guzzi vive nel cuore di Mandello anche senza il motoraduno e diventa il trait d'union delle attività commerciali del paese.

"In questi giorni ho notato che, nonostante il Motoraduno del Centenario Guzzi sia stato rimandato all'anno prossimo, nelle vetrine del paese sono comparse motociclette dello storico marchio, segno dell'attaccamento e della riconoscenza che i miei concittadini portano alla fabbrica che ha dato tanto lustro a Mandello - spiega l'assessore  al Commercio e al Turismo Silvia Nessi - Il nostro territorio è talmente bello e ha così tanto da offrire che i turisti e i motociclisti non hanno voluto rinunciare a trascorrere qualche giorno di vacanza nella nostra città e nei suoi dintorni".

L'assessore, con il prezioso aiuto del consigliere comunale Francesca Venini e del grafico Paolo Vallara, ha fatto realizzare "una cartina che riporti un percorso da seguire a piedi tra una vetrina e l'altra in un ideale museo diffuso, itinerante. Abbiamo voluto denominare questo progetto 'La-qui-la' in onore del simbolo della Casa Motociclistica e giocando con la lingua italiana e i suoi avverbi".

Filo diretto con la mostra "I 100 anni dell'Aquila"

Hanno aderito al progetto 'La-qui-la' ben 48 attività commerciali di ogni genere. "Abbiamo voluto includere anche i negozi o i pubblici esercizi che non avevano spazio in vetrina per una motocicletta facendo realizzare delle stampe su forex in formato 40x60 cm con le fotografie scattate a Mandello dai fotografi Carlo Zuccoli e Carlo Borlenghi per la mostra 'I 100 anni dell'aquila' che è tornata in questi giorni nuovamente visitabile sul viale dei Giardini".

Le mappe verranno distribuite a partire da oggi, mercoledì, tramite le strutture ricettive del territorio, gli esercizi commerciali e l'InfoPoint di Piazza Italia.

"Il mio ringraziamento - conclude l'assessore - va quindi a tutti coloro che hanno collaborato per la realizzazione dell'itinerario, che ho già citato, e anche a tutti gli esercenti e agli operatori dell'ospitalità che hanno aderito con grande entusiasmo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La-qui-la", le Moto Guzzi in vetrina diventano un museo itinerante

LeccoToday è in caricamento