menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni dei relatori intervenuti al monastero del Lavello.

Alcuni dei relatori intervenuti al monastero del Lavello.

Il Lavello alleato della Svizzera per promuovere canti, cultura e tradizioni

In tanti alla presentazione del progetto di cooperazione transfrontaliera "La voce della terra - Vocate". Tra storia, concerti e approfondimenti scientifici

Grande partecipazione al convento di Santa Maria del Lavello per la presentazione del progetto di cooperazione transfrontaliera "La voce della terra: canti e riti della tradizione - Vocate" finanziato nell’ambito del Programma Interreg V-A Italia Svizzera 2014-2020. Il Consigliere provinciale delegato alla Cultura e al Turismo Luigi Comi ha introdotto i lavori, mentre la responsabile del progetto Cristina Casarin ha presentato nel dettaglio il progetto, che vede coinvolti i seguenti partner: Provincia di Lecco (capofila italiano), Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera, Fondazione Luigi Clerici, Fondazione Monastero di Santa Maria del Lavello, Cantar di Pietre (capofila svizzero), Comune di Mendrisio, Fondazione Processioni Storiche di Mendrisio, Organizzazione turistica regionale Mendrisiotto e Basso Ceresio.

Al Lavello Arteatro, tra cultura e passione letteraria

Spazio quindi ai due momenti di approfondimento scientifico, di altissimo livello: Angelo Rusconi si è soffermato sul tema "Il canto tradizionale fra liturgia e mondo popolare", mettendo in risalto i rapporti fra rito e musica, mentre don Claudio Premoli e Anastasia Gilardi hanno posto l’attenzione sul tema "Liturgia e devozione nella tradizione dei Servi di Maria: il caso di Mendrisio" approfondendo la specifica attività dei Servi di Maria come promotori della tradizione. Subito dopo i partecipanti si sono trasferiti nel vicino santuario di Santa Maria del Lavello per la visita guidata a cura dello storico Fabio Bonaiti.

Il pomeriggio si è concluso con il concerto "Noi siamo i tre Re", a cura di Cantà Promaan, cantori tradizionali di Premana, e di Ensemble Antiqua Laus, diretto da Alessandro Riganti. L’affascinante programma con canti del periodo di Natale fra tradizione scritta e orale ha emozionato i numerosi presenti, anche grazie a un intreccio di canti del rito ambrosiano e quelli della tradizione di Premana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento