rotate-mobile
Notizie Barzio / Via Fornace Merlo

La parata di autorità dà il via alla Sagra delle Sagre "della riscossa"

Inaugurata la 57^ edizione della kermesse valsassinese. Ceresa: "Atteso un pubblico su livelli pre-pandemia". L'appello di Benedetti: "La tangenziale di Primaluna arrivi fino a Cortenova"

È stata inaugurata domenica mattina a in Valsassina la 57^ edizione della Sagra delle Sagre. Molte le autorità presenti alla cerimonia, accolte dal patron Ferdinando Ceresa.

Sono saliti a Barzio l'assessore regionale allo Sviluppo Economico Guido Guidesi, i parlamentari Paolo Arrigoni, Roberto Ferrari e Antonella Faggi, il sottosegretario regionale Antonio Rossi, il consigliere regionale Raffaele Straniero, la presidente della Provincia Alessandra Hofmann, il presidente della Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera Fabio Canepari e una nutrita rappresentanza di sindaci.

"Se quella del 2020 è stata la Sagra del coraggio e quella del 2021 della speranza - ha dichiarato il direttore Riccardo Benedetti nella sua introduzione - la cinquantasettesima vuole essere l'edizione della riscossa: questo è l'augurio soprattutto per gli espositori che hanno rinnovato la fiducia nella manifestazione e si aspettano positivi riscontri per le loro attività".

Benedetti ha anche approfittato dell'occasione che vedeva riuniti parlamentari, assessori regionali, presidente della provincia e sindaci per lanciare un richiamo su due opere molto attese e altrettanto discusse. "Da valsassinese chiedo a tutti voi di adoperarvi affinché la tangenziale di Primaluna non si fermi a Cortabbio ma prosegua sino a Cortenova; e per quanto riguarda il progetto di sviluppo delle aree Bobbio-Valtorta-Artavaggio ritengo necessaria la maggiore attenzione possibile alla sua sostenibilità, perchè l'ambiente e la natura non sono beni ripetibili".

Nel corso dell'intervento è stata ricordata la sottoscrizione a premi gestita dalla Cooperativa Le Grigne i cui proventi verranno utilizzati per ampliare la struttura ricettiva di assistenza di Introbio nell'ambito del progetto "Dopo di noi".

Il Premio Sagra a Lanfranchi

Prima del taglio del nastro, un simpatico siparietto con l'attribuzione del Premio Sagra "Renato Corbetta" (fondatore della manifestazione) al noto fotografo Mauro Lanfranchi, che a breve compirà 70 anni, "di cui quasi 60 ormai - ha detto nel suo intervento - dietro una macchina fotografica". Nel suo archivio personale Lanfranchi, che collabora con prestigiose riviste non solo nazionali e che praticamente conosce ogni angolo della Valsassina, come delle Orobie, conserva circa 600mila diapositive analogiche e altrettante fotografie digitali. Il premio è stato consegnato da Antonio Rossi.

Dopo il taglio del nastro, i visitatori hanno cominciato ad affluire numerosi. "Si respira 'aria della Sagra del pre pandemia - afferma Ferdinando Ceresa - e se il buongiorno si vede dal mattino direi che possiamo attenderci nei prossimi giorni quel pubblico che negli ultimi due anni era in parte mancato a causa delle restrizioni".

La 57^ edizione della Sagra aprirà i battenti tutti i giorni dalle ore 10 alle 23 fino a martedì 16 agosto, quando si concluderà con lo spettacolo pirotecnico che tornerà dopo due anni di assenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La parata di autorità dà il via alla Sagra delle Sagre "della riscossa"

LeccoToday è in caricamento