rotate-mobile
Notizie Galbiate / Monte Barro

Grazie ai volontari rinasce una pozza del ruscello di San Michele

L'intervento, coordinato dal Wwf sul Monte Barro nella giornata di sabato, ha previsto la riqualificazione ambientale di uno degli ambienti umidi più importanti del Parco

Grazie ai volontari rinasce una pozza del ruscello di San Michele. In vista della primavera l'Associazione Wwf Lecco, in collaborazione con il Parco Regionale Monte Barro, ha organizzato nella giornata di sabato 18 febbraio un'attività di riqualificazione ambientale di uno degli ambienti umidi più importanti del Parco. Tramite tecniche poco invasive è stata infatti ripristinata la funzionalità ecologica di una pozza laterale del Ruscello di San Michele, che era ormai interrata.

Una quindicina di volontari sono stati impegnati nelle attività di asportazione di rami e fogliame dalle aree di sorgente, nella manutenzione naturalistica di un breve corso d'acqua e nel ripristino della pozza interrata, consentendo così di recuperare le condizioni di naturalità di un'area particolarmente delicata e di vitale importanza per la microfauna presente.

Alla scoperta della fauna locale

L'attività di riqualificazione ambientale è stata anche l'occasione per conoscere alcuni dei più caratteristici abitanti dei ruscelli, come larve di salamandra, larve di libellula, molluschi, insetti acquatici.

Particolare attenzione è stata posta per evitare il rischio di diffusione di patogeni e specie alloctone all'interno dell'area protetta: a questo scopo tutte le calzature e gli strumenti utilizzati per l'intervento sono stati sottoposti a disinfezione prima dell'inizio lavori, proprio in considerazione della delicatezza dell'ecosistema del ruscello di San Michele.

In chiusura di giornata si è anche provveduto, nell'ambito del progetto BarroBugBox,  a posizionare in zona una nuova casetta nido per favorire la presenza di insetti impollinatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grazie ai volontari rinasce una pozza del ruscello di San Michele

LeccoToday è in caricamento