Presto nuovo sacerdote, la scelta di Giovanni

Il 27enne cresciuto nella parrocchia di San Lorenzo a Mandello durante gli oratori estivi racconta la sua esperienza di fede

Cresciuto nella parrocchia di San Lorenzo a Mandello è ora pronto a dedicare la sua vita al Signore. Giovanni Calastri, Classe 1992, originario di Seregno, negli anni ha trascorso gran parte delle sue vacanze estive nella città della Moto Guzzi e il prossimo sabato 8 giugno verrà ordinato sacerdote a Milano. 

«Fin da bambino con i miei genitori e mia sorella (nella foto sopra) ho trascorso sempre le vacanze estive in quel di Mandello del Lario inserendomi in particolare nella vita comunitaria della Parrocchia San Lorenzo - racconta Giovanni Calastri - Fu don Carlo Massina a volermi tra i chierichetti per la solennità della festa patronale e da quel momento in avanti sono sempre tornato volentieri per i giorni solenni di San Lorenzo. Negli anni ho potuto conoscere don Pietro Mitta, don Donato Giacomelli e don Stefano Zampieri. Bello il legame di stima con il vescovo Dante Lanfranconi, di casa a Mandello proprio nelle settimane di agosto, e infine in questi ultimi mesi ho potuto conoscere anche il nuovo arciprete monsignor Giuliano Zanotta. Io e la mia famiglia ci sentiamo di casa a Mandello, soprattutto per il bel clima che si respira nei vicoli della contrada. Non sono mancati in questi anni momenti di festa che - sul finir dell’estate - hanno visto numerosa partecipazione dei “contradaioli” proprio nel cortile di casa».

Due ragazze mandellesi sul podio agli Europei juniores di canottaggio

Giovanni racconta quindi come è nata questa sua scelta. «Entrato in seminario ho iniziato con entusiasmo il percorso di formazione spirituale, umana, intellettuale e pastorale. L’ingresso è stato un momento decisivo perché mi è stato chiesto di lasciare casa, famiglia, amici, per iniziare una vita nuova in una comunità di giovani desiderosi di donare la vita al Signore. Nel corso degli anni sono diventati significativi alcuni legami di amicizia che continuano a sostenermi nel ministero. Sono state importanti poi tutte le destinazioni pastorali di questi anni dove ho incontrato sacerdoti, suore e tanti laici con i quali sono rimasto legato: Dolzago, Vedano Olona, Castiglione Olona, Istituto dei Tumori di Milano, Cernusco sul Naviglio. Concluso il biennio filosofico, dopo l’Ammissione agli ordini sacri in terza teologia, ho ricevuto il ministero del Lettorato, poi l’Accolitato in quarta, il 29 settembre, con altri 14 compagni sono stato ordinato Diacono per la Chiesa Ambrosiana. Concluso il percorso di formazione in seminario, per me e i miei 14 compagni di classe inizierà il tempo degli Esercizi Spirituali presso la casa degli Oblati di Rho. Questa settimana di intensa preghiera prima dell’Ordinazione sarà guidata da un sacerdote comasco: don Marco Cairoli, che fu anche nostro professore di Nuovo Testamento e tutt’ora è Padre Spirituale presso il Seminario di Como. Conclusi gli esercizi spirituali verremo consacrati sacerdoti per la preghiera e l’imposizione delle mani del nostro Arcivescovo Mario Delpini l’8 giugno in Duomo alle ore 9.00. Celebrerò la mia prima Santa Messa a Seregno nella parrocchia Sant’Ambrogio alle ore 10.30. Poi sarò invitato definitivamente alla comunità cristiana di Olgiate Olona dove già presto servizio come diacono».

Il giovane Calastri tornerà anche a Mandello. «Certamente - fa sapere Giovanni - Mandello resterà la mia “residenza estiva” per i le vacanze nel mese di agosto. La mia famiglia continuerà a trascorrere lì i mesi estivi e ci sarà senz’altro modo per condividere la gioia con gli abitanti della “Contrada San Lorenzo” e con tutti coloro che mi hanno sempre sostenuto con affetto e preghiera in questi anni. Sarò a Mandello per la festa patronale e celebrerò una messa proprio nell’Arcipretale domenica 11 agosto alle ore 11.00». Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folla e follia per il merchandising Lidl: scarpe comprate a 13 euro e rivendute a oltre 200

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • "Rosa Camuna": a Sergio Longoni la massima onorificenza assegnata da Regione Lombardia

  • L'amore trionfa sul virus: si sposa dopo essere stato intubato e aver sconfitto il Covid

  • Ruba un'ambulanza per tornare a casa dal Pronto soccorso

Torna su
LeccoToday è in caricamento