Notizie Via dell'Eremo

Lettera aperta di Mauro Lanfranchi: «Urologia e Leonardo sono eccellenze lombarde»

Il celebre fotografo lecchese, recentemente in cura presso il "Manzoni" di Lecco, ha raccontato la sua esperienza tra le sale dell'ospedale di via dell'Eremo

Mauro Lanfranchi, conosciutissimo fotografo lecchese

Gentile direttore, da poche ore sono stato dimesso dall'ospedale "Manzoni", dove sono stato sottoposto ad un intervento di prostatectomia radicale robotica. Lì ho fatto conoscenza con Leonardo, un marchingegno di ultima generazione. E' stata una settimana intensa, ricca di forti emozioni anche perché, quando, in un breve arco temporale, ti viene diagnosticato un tumore maligno, ti crolla il mondo addosso. Conoscevo il nostro ospedale, per aver arredato con le mie immagini, il reparto di oncologia.

L'avevo fotografato negli angoli più reconditi e anche di notte, per illustrare i miei volumi, dedicati alla nostra città. Eppure, da un'esperienza, cosi forte ed inaspettata, sono riuscito a trarne numerosi aspetti positivi. Ho scoperto un mondo, che conoscevo solo marginalmente e vissuto in prima persona, un'eccellenza della sanità lombarda, ma soprattutto ho conosciuto delle persone che ci lavorano e dedicano anima e corpo alla loro missione con straordinarie capacità. Voglio ringraziare il loro primario Dott. Trinchieri, il Dott. Scuzzarella che, con le sue "mani di fata", ha gestito materialmente il mio intervento chirurgico.

Ma anche tanti altri medici che a vario titolo hanno alleviato i miei problemi. Soprattutto, voglio ringraziare tutto il personale infermieristico, che mi è stato di grande aiuto. Un grazie di cuore alla dolce mamma Carmela, a Luca, Stefy, Maria, Adrian e Claudio, alle simpatiche ragazze Russe. Queste, sono le persone, di cui tutti noi abbiamo bisogno.

Questo è il patrimonio umano, che l'Italia deve salvaguardare, ed esserne fiera.

Ancora grazie.

Fotografo Mauro Lanfranchi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera aperta di Mauro Lanfranchi: «Urologia e Leonardo sono eccellenze lombarde»

LeccoToday è in caricamento