rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Notizie Calolziocorte / Via Padri Serviti

"Driiin! Tutti fuori dall'aula", così la natura sale in cattedra

La Cooperativa Liberi Sogni organizza al Lavello un convegno (e laboratori) per ripensare la scuola con la didattica esperienziale e le comunità locali

"Driiin! Tutti e tutte fuori dall'aula!" Questo il titolo del "Convegno per ripensare la scuola con la didattica esperienziale, in natura e con le comunità locali" che si terrà sabato 11 dicembre dalle ore 14.00 alle 18.30 al Monastero di Santa Maria del Lavello a Calolziocorte. L'iniziativa è organizzata dalla Cooperativa sociale Liberi Sogni: con questo convegno-convivio accompagnato da laboratori a tema, gli educatori della onlus lecchese vogliono aprire un confronto per ripensare la scuola con la didattica esperienziale, con uscite tra la natura e con le comunità locali.

"Dirigenti scolastici, insegnanti, ragazzi, genitori, comunità locale: si può fare! - spiegano i promotori dell'iniziativa - La Cooperativa, impegnata dal 2006 nel campo dell’educazione ambientale, promuove un pomeriggio in cui, con la guida di insegnanti, pedagogisti, formatori ed esperti, si condivideranno approcci, riflessioni e progetti pilota di didattica esperienziale in natura. Verrà restituita all’interno del convegno l’esperienza di EsplorAzioni, progetto inedito e sperimentale che ha preso avvio in 3 istituti comprensivi (due del lecchese e uno della bergamasca) sotto il coordinamento degli esperti della Coop Liberi Sogni in cui è stato possibile sperimentare metodologie didattiche innovative di outdoor education".

Veronica Pandiani: "Ripensare il modo di insegnare aprendo a verde, piazze e territori"

"Outdoor Education significa ripensare completamente il modo di insegnare, a partire dagli spazi utilizzati, che non devono essere aule ricostruite all’esterno - spiega Veronica Pandiani, coordinatrice del progetto - Significa piuttosto uscire dalla scuola e vivere maggiormente i cortili, i boschi, le piazze, scoprire il territorio in cui si vive e i suoi abitanti, umani e non. Significa esplorare l’esterno per farsi ispirare e prendere degli spunti pratici, reali, concreti dal mondo naturale. Così il semplice ritrovamento di un lombrico diventa un input utile per affrontare il tema della catena alimentare e dell’ecosistema. Oppure attraverso un laboratorio di estrazione dei pigmenti naturali dai fiori e dalle erbe spontanee si può comprendere perché la natura sia così colorata e scoprire il ruolo degli insetti impollinatori nell’ecosistema. Fare educazione in natura significa imparare ad essere curiosi, a fare ragionamenti complessi e non a compartimenti stagni, imparare dalle cose più semplici e scontate che ci circondano".

"Young Lives Matter", iniziative per i giovani tra natura e cultura

Durante il pomeriggio verranno inoltre proposti laboratori didattici da replicare a scuola, tra una merenda e un aperitivo con prodotti locali offerti dal progetto. In parallelo, per bambini e ragazzi saranno organizzati caccia al tesoro, laboratori, attività indoor e ovviamente outdoor. Il convegno è rivolto ad insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, educatori, animatori, formatori, genitori, bambini 3-10 anni e ragazzi 11-14. Per partecipare occorre prenotarsi entro il 9 dicembre o fino ad esaurimento posti. La partecipazione è gratuita grazie al progetto EsplorAzioni realizzato con il contributo del Dipartimento delle politiche della Famiglia - Presidenza del Consiglio dei Ministri. Verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Il Convegno è gratuito, per chi lo desiderasse è possibile sostenere con un'offerta libera la Cooperativa Liberi Sogni e in particolare il progetto di riqualificazione di Cascina Rapello. Per info: scuole@liberisogni.org / 334 7368295.

Il programma e i relatori

Il convegno si aprirà al Lavello alle ore 14 di sabato 11 dicembre con l'introduzione e l'inizio dei lavori. Interventi a cura di: Marcella Danon su "Natura dentro e fuori: come educare al sentire che siamo natura"; Marco Boffi: "La Natura in mente: il ruolo dell’esperienza nella relazione coi luoghi"; Andrea Riva: "A scuola di inclusione attraverso l’esperienza di apprendimento mediato". Alle 16 laboratori esperienziali per adulti a cura di Marcella Danon: "La carta d'identità ecologica"; Marco Boffi: "L’identità dei luoghi; Andrea Riva: "A scuola di esperienza". Alle 17 presentazione del modello educativo didattico Liberi Sogni “EsplorAzioni”: Restituzione codificata dell’esperienza di EsplorAzioni, progetto inedito e sperimentale di metodologie didattiche di outdoor education e didattica in natura, che ha preso avvio in contesti formali (3 istituti comprensivi del lecchese e della bergamasca) e informali (centri estivi diurni e campi estivi residenziali). L'iniziativa si chiuderà poi con un apertivo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Driiin! Tutti fuori dall'aula", così la natura sale in cattedra

LeccoToday è in caricamento