rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Notizie Centro storico / Via Camillo Benso Conte di Cavour, 90

"Progetto Pit", la città fa rete per dare competenze digitali a 100 giovanI

I "Punti informatici territoriali" si pongono l'obiettivo di aiutare, attraverso il volontariato e un network di associazioni, chi in questo momento è più penalizzato nel mondo del lavoro

Nasce "Pit", un progetto ben raccontato da tre parole: volontariato, competenze digitali, lavoro. I "Punti informatici territoriali" si pongono l'obiettivo di creare nuove competenze per chi in questo momento è penalizzato in un mondo del lavoro in evidente difficoltà.

A proporlo, su finanziamento della Fondazione Comunitaria del Lecchese e del Fondo Aiutiamoci, è una rete di associazioni: Les Cultures (capofila), CSV Lecco, Lezioni al Campo, Arci Lecco, San Vincenzo de Paoli, Circolo Spazio Condiviso Calolzio, Centro Farmaceutico Missionario Lecco. 

Secondo il Report annuale dell'Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro di Lecco (2021), l'occupazione è in calo di 7.000 unità fra 2020 e 2021, con un tasso di occupazione sceso al 65,8%.

Il profilo del lavoratore a rischio

Molte persone che hanno lasciato il mondo del lavoro sono lavoratori autonomi o indipendenti, già avanti con l'età, che hanno deciso di chiudere l'attività nell'anno della pandemia. C'è un profilo preciso del lecchese che rischia di rimanere ai margini del mercato del lavoro: over 45, livello di istruzione medio-basso, limitate competenze informatico-digitali e bassa qualificazione professionale. Accanto a questi, anche giovani che non sono riusciti a imboccare un percorso professionale preciso e migranti in cerca di un progetto di vita in Italia.

Saranno coinvolti nell'iniziativa circa 100 giovani e 50 volontari. Il progetto Pit si propone l'obiettivo di dotare i beneficiari di autonomie digitali, sviluppare una rete di associazioni del territorio per rispondere alle richieste di supporto in modo efficace ed efficiente, coinvolgere la cittadinanza in call per reclutare i volontari competenti in grado di formare (percorso di massimo 20 ore), creare punti territoriali attrezzati con postazioni utili rendendoli riconoscibili nel contesto in cui saranno inseriti.

A questo proposito si segnalano già i seguenti soggetti: Mestieri Lecco, Informagiovani, Centro per l'Impiego, Circolo Promessi Sposi, The Factory. L'organizzazione sarà puntuale, con un sistema che prevede la raccolta delle domande, la compilazione di una scheda iniziale, l'attivazione del percorso con l'abbinamento di volontario, beneficiario e punto territoriale grazie a un database che indicherà tutte le disponibilità. Tale database è stato sviluppato grazie alla collaborazione volontaria di uno studente del Politecnico.

Gli obiettivi concreti

Sui beneficiari: apprendimento dell'utilizzo degli strumenti digitali (documenti di scrittura, tabelle di calcolo, presentazioni, stampanti, ecc.) e web (utilizzo dei motori di ricerca, utilizzo di e-mail, utilizzo di piattaforme di comunicazione istantanea, compilazione di un modulo o risposta a un annuncio, ecc.), al fine di permettere loro non solo di diventare indipendenti nella ricerca e risposta ad annunci di lavoro, ma anche di essere maggiormente competitivi in un mercato del lavoro che considera le competenze digitali una condizione di partenza quasi imprescindibile, se non scontata.

Sulla rete: promuovere un lavoro di rete capillare tra associazioni diverse presenti sul territorio, sia per provare a lavorare insieme mantenendo la propria soggettività sia per mettere in circolo competenze diverse e arricchenti.

Sul territorio: si lavorerà anche sull'implementazione, attraverso l'attivazione della cittadinanza, di reti informali volte a sostenere l'aspetto relazionale dove possibile e dove ce ne sarà la possibilità, dei beneficiari. Implementazione dei punti territoriali oltre a quelli già costituiti nel ciclo sperimentale mettendoli
se possibile sulla piattaforma PassPartù di modo che vengano messi a disposizione anche dei servizi più specialistici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Progetto Pit", la città fa rete per dare competenze digitali a 100 giovanI

LeccoToday è in caricamento