menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le sirene suonano, i cannoni sparano a salve: Colico commemora i caduti

Due giorni di iniziativa al Montecchio per la rievocazione "Il Fronte al Forte". Il sindaco Gilardi: «Rendiamo onore alle persone che ci hanno permesso di poter vivere in pace»

La rievocazione storica "Il Fronte al Forte" in programma sabato 2 e domenica 3 giugno si arricchisce di motivi di interesse sempre nuovi. Infatti alle 11 e alle 15 di ognuna delle due giornate saranno simulati dalla Guarnigione dei Rievocatori degli allarmi per attacchi aerei o allarmi per emergenza sanitaria. Inoltre alle 20.30 di sabato saranno proposte in centro, in piazza Garibaldi, tre sfilate di Rievocatori che andranno a rendere gli onori ai Caduti sul Monumento posto sul lungolago: due i picchetti (alle 12 di sabato 2 e domenica 3) e una sfilata con marcia e onori ai Caduti alle 21 (sabato 2). 

Proprio per commemorare i caduti di tutti i fronti e di tutti gli Eserciti in guerra cent’anni or sono, da Forte Montecchio Nord alle 10.30 di sabato 2 giugno, Festa della Repubblica, si leverà il suono acuto e minaccioso della sirena dell’allarme antiaereo. Inoltre saranno esplose quattro salve di artifizi pirotecnici a simulare quattro salve d’artiglieria, sempre in onore dei caduti.

"Fronte al Forte", il programma dell'evento

Questi due ultimi eventi (sirena e salve), saranno replicati, d’ora in poi, anche nella ricorrenza del sacrificio compiuto dagli alpini in ripiegamento a Nikolajewka, nel secondo conflitto mondiale, celebrato a Colico con grande enfasi ogni ricorrenza di quel tragico ma eroico 26 gennaio 1943. Sirena e salve risuoneranno a Colico anche ogni 4 novembre (festa delle Forze Armate e, quest’anno, centenario della vittoria nel primo conflitto mondiale) e 2 giugno (festa della Repubblica). 

Il tutto in sintonia con il Comune di Colico. Il sindaco Monica Gilardi, infatti, tiene particolarmente a che non venga smarrita la memoria: «Le nuove generazioni - spiega il primo cittadino - sono fortunatamente molto lontane da quei giorni e da quegli avvenimenti. Ma commemorare è importante per rendere onore alle persone che ci hanno permesso di poter vivere in pace, oggi, e per ricordare quelle immani tragedie che sfiorarono, nella Prima, o coinvolsero, nella Seconda guerra mondiale, anche la nostra comunità. Forte Montecchio Nord, in questo senso, è, insieme un monito e un invito a non dimenticare».

Ricordiamo che in occasione della Rievocazione "Il Fronte al Forte", il forte sospenderà le visite guidate e l’accesso, previo pagamento del biglietto, sarà libero. In ogni stanza i visitatori troveranno le guide abilitate del Museo della Guerra Bianca che spiegheranno le sale e le dotazioni del forte mentre i rievocatori mostreranno i loro corredi. 
La sera di Sabato 2 giugno i rievocatori sfileranno in Piazza Garibaldi per rendere poi gli onori ai caduti sul lungolago di Colico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento