Venerdì, 22 Ottobre 2021
Notizie

Nel Lecchese oltre 390.000 euro per l'inclusione di soggetti fragili

Le risorse serviranno per una serie di misure di contrasto alla povertà, dal sostegno alla ricerca di lavoro a piccoli budget a supporto di progetti per persone e famiglie

Regione Lombardia ha approvato la sperimentazione di una nuova misura volta a promuovere l’attivazione di percorsi territoriali di inclusione attiva di persone in condizione di vulnerabilità e disagio.

«Il Comune di Lecco - Ente capofila dell’Ambito Distrettuale di Lecco e per tutta la provincia, ha presentato in rete con diversi soggetti istituzionali e del terzo settore, un programma di intervento e due proposte progettuali - rende noto Guido Agostoni, Presidente del Distretto di Lecco - La prima è relativa alla definizione di un Sistema territoriale per l’inclusione sociale e prevede la messa in rete dei servizi, interventi e realtà attivi su questo tema. La seconda, più specifica, prevede invece l’apertura di sedi territoriali dislocate dei Servizi, al fine di sviluppare progettualità locali e potenziare la collaborazione con le reti territoriali, amministrazioni locali e attività produttive al fine di costruire un percorso di accompagnamento alla persona nella ricerca del lavoro e favorire un percorso di  inclusione sociale».

Il presupposto degli interventi, è che il rischio di povertà sia determinato da un insieme combinato di fattori: perdita o assenza di lavoro, bassa qualifica professionale, insufficiente livello di competenze professionali e culturali di base, assenza di reti familiari, sociali e di tutela, fragilità personali, del nucleo e del contesto.

Una "rete" di opertatori

La rete progettuale è composta da diversi soggetti: Ambiti distrettuali e Gestioni Associate dei Servizi (Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera, Impresa Sociale Consorzio Girasole, Azienda Speciale ReteSalute), ASST Lecco, CSV- centro servizi al volontariato d Monza Lecco Sondrio, CPIA (Centro provinciale  istruzione adulti) Fabrizio De André di Lecco, Consorzio Consolida, Mestieri Lombardia, Fondazione Comunitaria del Lecchese onlus, Arci Lecco Sondrio, cooperativa sociale L’arcobaleno di Lecco.

Post covid, metà delle aziende in difficoltà prevede di recuperare entro il 2021

Le risorse complessive ammontano a euro 390.504,17 (di cui 312.403,34 con finanziamento regionale) per interventi che prevedono la definizione di percorsi individualizzati, l’attivazione di tirocini/ borse lavoro, un catalogo di percorsi formativi mirati per facilitare il reinserimento nel mondo del lavoro, misure specifiche rivolte ai giovani più fragili come tirocini, stage, esperienze pre-lavorative, sostegno alla ricerca del lavoro, dei piccoli budget a supporto dei progetti della persona e della sua famiglia per favorire opportunità di inclusione sociale e partecipare alla vita della comunità.

«I temi della marginalità sociale e del lavoro che attraversano questo tempo difficile sono cruciali anche nel nostro territorio - commenta Riccardo Mariani, assessore ai Servizi alla persona, casa e lavoro del Comune di Lecco - I progetti approvati vanno quindi nella direzione importante di mettere mano, concretamente a queste dimensioni in una rete territoriale diffusa e solida come nella tradizione del Welfare lecchese. Il Comune di Lecco, capofila per il Distretto, si è pertanto subito proposto di accompagnare questa sfida e di dare ancora una volta il proprio appassionato, competente apporto per contrastare la fragilità sociale e irrobustire la risposta istituzionale e associativa finalizzata a favorire l’inclusione delle persone destinatarie di questi progetti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel Lecchese oltre 390.000 euro per l'inclusione di soggetti fragili

LeccoToday è in caricamento