Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viola, dopo tre anni di stop sul podio agli Italiani di pole dance

Rientro all'attività sportiva da brividi per la 28enne lecchese alla rassegna tricolore Pole Sport a Sassuolo. «Un'emozione enorme»

 

Un'esibizione straordinaria che le è valsa il terzo posto ai Campionati italiani di pole dance, disciplina sportiva che fonde elementi di ginnastica e danza con la pertica. E che, soprattutto, le ha permesso un riscatto personale dopo tre anni di stop per infortunio.

Le lacrime di Viola Valsecchi, 28enne lecchese, sul podio della rassegna tricolore "Pole Sport" svoltasi nel week-end a Sassuolo, raccontano un'emozione grandissima. «Sono stata ferma a lungo a causa di un'ernia del disco, curata con varie terapie osteopatiche e fisioterapiche, ma senza intervento chirurgico - spiega - Ho ripreso a gareggiare proprio a Sassuolo ed è andata benissimo, sono davvero contenta. Sono scoppiata a piangere, non ho trattenuto l'emozione: per me, per quanto ho sofferto rimanendo ferma, per mio fratello che un mese fa ha subito un serio incidente domestico».

Osteopata, ex atleta: poi il "colpo di fulmine"

La storia d'amore tra Viola e la pole dance nasce cinque anni fa. La ragazza, osteopata, la scopre come attività sportiva durante un corso di studi universitari in Olanda, e la scintilla non tarda a scoccare. Viola molla così l'atletica e la corsa in montagna, che praticava da tempo, per dedicarsi alla pole dance. «Ho frequentato lezioni da insegnanti qualificati, e dopo circa un anno ho deciso di aprire una scuola all'interno del mio studio "The Pole Terrace", a Lecco, insieme al mio collega Enrico Grasso. Insegniamo pole dance, calisthenics, una disciplina a corpo libero, e ci occupiamo di ginnastica riabilitativa essendo entrambi osteopati», prosegue Valsecchi, che durante lo stop per infortunio non ha certo smesso di seguire le gare, partecipando alle scorse due edizioni dei Campionati italiani in qualità di allenatrice con le sue allieve e di giudice. Tornare in gara, però, ha tutto un altro sapore.

«Il mio sogno? Un giorno diventare campionessa italiana, sarebbe bellissimo. Ma il prossimo obiettivo è in calendario il 17 e 18 novembre, in Florida, ai Campionati del mondo. Sono qualificata insieme a Bianca Breschi e Jennifer Donegà, rispettivamente prima e seconda agli Italiani».

Risultati tutt'altro che facili da raggiungere. La pole dance è infatti molto impegnativa, come dimostrano le immagini dell'esibizione di Viola, e richiede una grande dedizione al lavoro. «Mi alleno tutti i giorni, due o tre ore, a eccezione della domenica - chiarisce la giovane - Gli allenamenti non sono soltanto al palo ma c'è anche una buona parte di potenziamento e "forza a secco" in palestra». Una volta sul palco, però, la preparazione fisica non basta: per sfidare la forza di gravità servono anche passione e grazia. Doti che a Viola non mancano di certo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento