Da Lecco e Calolzio aiuti umanitari ai migranti della rotta balcanica

Una delegazione dell’Associazione “Mir-Sada Progetto per la Pace” e del “Circolo Arci Spazio condiviso” ha raggiunto Trieste per consegnare un importante carico con indumenti, scarpe e coperte

Un'immagine dei materiali di prima necessità portati a Trieste.

Nella giornata di lunedì 29 giugno una delegazione dell’Associazione “Mir - Sada Progetto per la Pace” di Lecco e del “Circolo Arci Spazio condiviso” di Calolziocorte si è recata a Trieste presso la sede dell’Associazione “Linea d’Ombra Odv”. Scopo della trasferta: consegnare un importante carico di aiuti umanitari composto da 75 paia di scarpe, 50 paia di pantaloni, 60 coperte termiche, 140 magliette, 30 paia di calze e 4 sacchi a pelo. Il materiale servirà per aiutare i migranti della cosiddetta rotta balcanica.

«I volontari dell’Associazione Linea d’ombra lavorano infatti quotidianamente a Trieste in un piccolo parco nei pressi della Stazione Ferroviaria dove arrivano i profughi provenienti dalla tristemente nota rotta balcanica - confermano i volontari della dellegazione di Lecco e Calolzio - Si tratta di persone che provengono, per la maggior parte, da Afghanistan, Siria, Iraq, Palestina, Bangla Desh, Tunisia, Marocco, Algeria e che arrivano al confine tra Italia e Slovenia dopo lunghi viaggi (per lo più a piedi) che durano mesi. Uomini e donne spesso vittime di episodi di violenza da parte delle varie polizie di confine che giungono a Trieste in condizioni disperate».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il lavoro dei volontari dell'associazione triestina consiste in varie forme di intervento: da quello medico alla fornitura di un minimo di materiale personale, igienico e di cibo per continuare a sopravvivere. «Con il nostro piccolo gesto di solidarietà abbiamo voluto dimostrare tutta la nostra vicinanza a queste persone che sono troppo spesso dimenticate ed invisibili ed è nostra intenzione proseguire la collaborazione con gli amici di Trieste» - concludono i portavoce di Mir-Sada Progetto per la Pace e del Circolo Arci Spazio Condiviso di piazza Regazzoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Postavano sui social video girati a Lecco con pistole e maceti, blitz della Polizia contro la "Baby Gang"

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

  • Coronavirus, il punto: numero record di positivi nel Lecchese, 198

  • Conte ha firmato il nuovo Dpcm. Bar e ristoranti chiusi alle 18, alle superiori didattica a distanza al 75%

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento