Lunedì, 27 Settembre 2021
Notizie

Sacco rosso, scatta l’obbligo di utilizzo

Firmata l’ordinanza del sindaco di Lecco: prevista l’indifferenziata solo con il sacco rosso, pena sanzioni da 70 a 420 euro

È stata firmata dal sindaco di Lecco Mauro Gattinoni l’ordinanza relativa all’obbligo di utilizzo del sacco rosso per la raccolta indifferenziata (oggi distribuito all’85%). Dal 1° luglio 2021 è stata, infatti, avviata in tutta la città la nuova raccolta della frazione "indifferenziata" dei rifiuti: il sacco trasparente non viene più ritirato ed è stato sostituito con il sacco rosso dotato di un microchip (tecnologia RFID), che collega ogni sacco all’utenza specifica, permettendo di conteggiarne automaticamente i conferimenti.

Come reso noto dall'ufficio stampa del Comune di Lecco, dopo la fase informativa e di distribuzione  seguita da quella di sperimentazione a seguito del confronto con i cittadini e le diverse categorie, si avvia, così, la terza fase della misurazione. Da oggi, venerdì 27 luglio, quindi, chi non rispetta le regole sul sacco rosso potrà incorrere in una sanzione amministrativa da 70 a 420 euro.

Il codice RFID e i dettagli sul servizio

Tramite l'Ordinanza si istituisce l’obbligo per tutte le utenze - domestiche e non domestiche - di utilizzare i soli sacchi rossi dotati di codice RFID forniti dal Comune di Lecco in sostituzione di qualsiasi altra tipologia di sacco, secondo il calendario previsto e le attuali modalità (pieno e ben chiuso). Su richiesta è possibile ritirare e utilizzare i sacchi azzurri per il conferimento di pannolini e altri dispositivi ausiliari assorbenti (esempio pannoloni, traversine da letto) da esporre insieme al sacco rosso.

Inoltre, per le utenze non domestiche attualmente dotate di cassonetto dei rifiuti indifferenziati, è consentito l’esclusivo utilizzo degli stessi cassonetti, cui verrà apposto a cura di Silea un codice RFID identificativo dell’utenza; pertanto, diviene vietato l’utilizzo di sacchi e cassonetti non provvisti di RFID e il conferimento dei rifiuti sfusi.

"Sul sacco rosso sono emerse probematiche nei condomini, serve un confronto"

In caso di utilizzo di sacchi o cassonetti non conformi non verrà effettuato il ritiro del rifiuto. Il mancato ritiro sarà evidenziato mediante apposizione di un’etichetta di non conformità e comunicato al Comune, anche ai fini dell’applicazione delle sanzioni amministrative in violazione dell'ordinanza. In caso di non conformità rilevata e mancato ritiro, l'utente dovrà provvedere a ricondurre il sacco all’interno della proprietà e procedere a una corretta esposizione nel turno successivo previsto dal calendario di raccolta.

Entro luglio è ancora possibile ritirare il sacco rosso presso l'Ecosportello

Ricordiamo che per tutto il mese di luglio è ancora possibile ritirare il sacco rosso presso l'Ecosportello, in via Marco D'Oggiono, 18/a (ex sede Politecnico). Il servizio è aperto dal lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 15 e il sabato dalle 8.30 alle 12: è garantita la distribuzione di tutti i contenitori (carta, vetro) e i sacchetti (umido, viola) previsti per gli utenti, compresi i sacchi rossi che non si vendono in negozi e supermercati. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Comune di Lecco o di Silea Spa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sacco rosso, scatta l’obbligo di utilizzo

LeccoToday è in caricamento