Sinergia tra istituzioni per favorire la rinascita di Villa Ponchielli

Gli amministratori lecchesi incontrano l'assessore regionale Galli per promuovere il progetto di un centro d'eccellenza sui temi del cibo

 

Amminitratori in riunione, sabato mattina, a Villa Ponchielli per promuovere il progetto "Lake", l'intervento di recupero  volto a creare un centro d'eccellenza per la conoscenza e l'educazione sui temi del cibo e dell'ospitalità senza rinunciare alla conservazione e valorizzazione dei manufatti di interesse storico.

Villa Ponchielli, primo ok dall'Unione europea

Ospite atteso l'assessore regionale all'Autonomia e Cultura Stefano Bruno Galli, che ha incontrato il sindaco di Lecco Virginio Brivio nel maestoso parco della celebre residenza della Scapigliatura lecchese, insieme al consigliere regionale lecchese Mauro Piazza, ai consiglieri regionali del gruppo Lombardi Civici Europeisti Elisabetta Strada e Niccolò Carretta (nel video sopra), agli assessori comunali al Patrimonio Corrado Valsecchi e alla Cultura Simona Piazza, al sindaco di Malgrate e presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano, al presidente del CdA del CFPA di Casargo Nunzio Marcelli, al direttore di Caritas Ambrosiana Luciano Gualzetti, a Marco Galbiati, fondatore dell’associazione “Il tuo cuore la mia stella” dedicata al figlio Riccardo; e ancora il sindaco di Casargo, membro del CdA del CFPA, Pina Scarpa. Presenti anche i consiglieri comunali Cinzia Bettega, Antonio Pattarini e Giovanni Colombo, i dirigenti comunali Luca Gilardoni e Massimo Gatti, il direttore generale del CFPA di Casargo Marco Cimino e il membro del CdA Diego Combi e lo staff dello Studio di Architettura Spreafico. 

La visita ha consentito a Stefano Bruno Galli di conoscere meglio il progetto e di toccare con mano le potenzialità funzionali di un complesso immobiliare e di un parco meravigliosi.

Brivio: «È il momento della sinergia istituzionale»

«Dopo avere ottenuto questo primo formale via libera, "Lake" dovrà ora confrontarsi con le altre 65 proposte avanzate dai diversi paesi membri nella categoria Jobs and skills in the local economy - spiega il sindaco di Lecco Virginio Brivio - Il progetto, condiviso con il Comune di Malgrate, il CFPA di Casargo, la Provincia di Lecco e la Caritas Ambrosiana, intende riportare in vita Villa Ponchielli e trasformarla in un luogo privilegiato, anche per storia e cultura, di formazione e valorizzazione di professionalità specifiche nel settore della ristorazione e di tutte quelle attività sempre più correlate. È questo il momento dell'impegno e della sinergia, della creazione di una lobby positiva finalizzata alla promozione di quanto pensato e con convinzione proposto all'Europa. Per questo ringrazio Regione Lombardia, l'attenzione dell'assessore Galli, il supporto dei consiglieri regionali del territorio, e in particolar modo del gruppo consiliare Lombardi Civici Europeisti guidato dalla consigliera Elisabetta Strada, che ha sollecitato la visita dell'assessore, e la determinazione che ci hanno dedicato e con la quale ci auguriamo supportino la causa del Comune di Lecco e degli enti partner dell'iniziativa, al fine di ottenere i finanziamenti europei necessari alla trasformazioni di Villa Ponchielli in un fiore all'occhiello del territorio».

«È doveroso - sottolinea il consigliere regionale Strada - adoperarsi per far rivivere un gioiello dell'architettura ottocentesca. La villa con la sua  foresteria, le scuderie e il magnifico parco devono essere restituite ai cittadini. Lasciarle in stato d'abbandono sarebbe un delitto. Per questo obiettivo tutte le istituzioni coinvolte, giunta regionale,  Consiglio e Comune di Lecco devono collaborare fra loro, anche se di diversa appartenenza politica. Da parte nostra la disponibilità è massima».

«Il mio auspicio - aggiunge Carretta - è che il recupero di Villa Ponchielli possa fungere da modello per un progetto più vasto di valorizzazione di quella parte di patrimonio storico e culturale della Regione che spesso è sconosciuta o in stato di degrado.  A breve presenterò all'assessore regionale alla Cultura un progetto in tal senso».

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento