Notizie Via Padri Serviti

Firmato l'accordo: in arrivo due aree attrezzate sul Lungoadda a Calolzio e Olginate

Grazie agli oneri versati dalla Cartiera per la centrale a biomasse realizzata nel 2016, il Parco destinerà 340.000 euro ai due comuni: previsti anche campo da beach, chioschi e area cani

Seduti da sinistra: Giuseppe Cima (Cartiera dell'Adda), Francesca Rota (presidente del Parco) e Marco Ghezzi (sindaco di Calolzio).

Firmato l'accordo tra i Comuni di Calolzio, Olginate e il Parco Adda nord per la realizzazione di due aree verdi attrezzate sul Lungoadda. Sono ben 340.000 gli euro destinati alle due opere, ricevuti dal Parco e oggi indirizzati ai due Comuni grazie agli "oneri di compensazione" versati dalla Cartiera dell'Adda Cima per la realizzazione nel 2016 di una centrale a biomasse all'interno del proprio impianto industriale tra viale De Gasperi, via Mazzini e il ponte tra Calolzio e Olginate.

Proprio il presidente dell'azienda, Giuseppe Cima, intervenuto oggi al monastero del Lavello alla firma dell'accordo insieme all'ingegner Vladimiro Bolis della società Sime, ha chiesto con forza che quei fondi rimanessero sul territorio nei pressi della cartiera, e comunque lungo la tratta di fiume tra Calolzio e Olginate per abbellire e valorizzare l'area che costeggia l'Adda. E così sarà: a Olginate i lavori hanno preso il via nei giorni scorsi, a Calolzio dovrebbero svolgersi nel 2022 dopo la fase progettuale che entrerà nel vivo nei prossimi mesi.

Lavello Cima e Rota-2

«Nel 2016 la Cartiera dell'Adda firmò una convenzione con il Parco Adda Nord che prevedeva il versamento di alcune compensazioni per  lavori che l'azienda aveva realizzato all'interno della propria struttura industriale - ha ricordato Francesca Rota, presidente del Parco - Tale accordo prevedeva il pagamento in diversi anni di un importo totale pari a 400.000 Euro. Fino ad oggi il Parco ha realizzato  una strada di accesso alla palude di Brivio e svolto lavori mirati per il contenimento delle alghe per una spesa di 60.000 Euro. Per il resto, anche su richiesta della stessa cartiera, abbiamo deciso di tenere il restante importo sul territorio».

Intervento Rota Lavello-2

In generale il Parco ha quindi confermato l'intenzione di riutilizzare sempre più nei comuni interessati - e per progetti legati al verde e ai servizi - i fondi che arrivano da oneri di compensazione. «E così - ha proseguito l'avvocato Rota - 140.000 euro andranno al progetto di Olginate che è già stato approvato dall'Amministrazione, e gli altri 200.000 Euro al Comune di Calolziocorte per un'opera simile. Come già avvenuto nell'ultimo anno e mezzo, il Parco vuole promuovere interventi tra loro armonici per valorizzare le aree che si affacciano sull'Adda».

Intervento per salvare pesci e avifauna

In quest'ottica si inserisce anche la scelta di sostenere l'acquisizione dell'ala est del Museo della Seta da parte del Comune di Garlate per nuove opere e iniziative di valorizzazione del complesso Abegg situato sempre lungo l'Adda. Tornando a Calolzio e Olginate, i due sindaci interessati si sono detti molto contenti del finanziamento, ringraziando sia il Parco Adda Nord sia la Cartiera dell'Adda per la collaborazione.

I sindaci: «Così valorizziamo insieme l'anello di Calolzio e Olginate»

Rota e Ghezzi-2

«Stiamo già lavorando al progetto che porterà alla creazione di uno spazio attrezzato a lato di viale De Gasperi - ha precisato il sindaco di Calolzio, Marco Ghezzi - Intanto con la firma di oggi si compie un passo avanti importante, oltre alla cartiera Cima per il finanziamento frutto del passato accordo, ringraziamo il Parco per la collaborazione e la disponibilità dimostrati. Nella zona a lato di viale De Gasperi troveranno posto anche un gazebo e una palestra all'aperto, con verde attrezzato».

I fondi del Parco e della Cartiera si uniranno ad altri messi a disposizione dal Gal e dal Comune di Calolzio stesso per migliorare una zona che necessita tra l'altro di maggiore cura e sicurezza. Più volte in passato prorio nell'area in questione ci sono stati arresti per spaccio di droga, e i carabinieri hanno dovuto portare avanti attività di controllo antidegrado.

Passoni firma-2

A Olginate i lavori per lo spazio green e attrezzato a lago hanno invece già preso il via la scorsa settimana, a poca distanza dell'area mercato: il costo complessivo dell'intervento dovrebbe sfiorare i 650.000 euro. «Qui troveranno posto anche un chiosco, un campo da beach volley e un'area cani - ha confermato il sindaco di Olginate, Marco Passoni - Intanto oggi firmiamo questo accordo utile e importante, un esempio di ottima sinergia tra enti pubblici e privati. Daremo alla popolazione una serie di servizi in armonia tra loro, ma diversi e complementari, lungo l'anello dell'Adda tra Calolzio e Olginate. Ci sarà inoltre spazio per i giochi per i bambini e per una palestra all'aperto favorendo così una fruibilità che garantirà, tra l'altro, una maggiore sicurezza. Per quanto riguarda Olginate, abbiamo iniziato i lavori la scorsa settimana e li termineremo entro dicembre».

Parchetto-3

Un'immagine dell'area sul Lungoadda di Calolzio interessata dall'intervento.

E proprio Giuseppe Cima ha voluto sottolineare a sua volta il valore dei progetti che diventeranno presto realtà sul Lungoadda. «Io ho sempre insistito con il Parco perchè i soldi venissero spesi in progetti che potessero essere visti, sentiti e toccati con mano da chi vive e abita il nostro territorio - ha dichiarato il presidente della Cartiera - Devo dire che, non appena insediato, l'attuale presidente del Parco ha dimostrato attenzione al tema e così ci siamo mossi subito tutti insieme al lavoro con i sindaci per superare i problemi burocratici, che non sono pochi. Ora sono molto contento sia per essere arrivati a questa svolta, sia perchè verrà finalmente rilanciata un'area, quella sul lato calolziese, che fino ad oggi era un po' degradata, io ci passo avanti tutti i giorni per andare in azienda e lo vedo. Se in futuro dovessero nascere altre occasioni per collaborare, noi ci saremo».

Presenti alla firma messa nero su bianco oggi pomeriggio al monastero, anche Armando Friburghi della Fondazione monastero del Lavello e Mario Girelli, direttore del Parco Adda Nord.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Firmato l'accordo: in arrivo due aree attrezzate sul Lungoadda a Calolzio e Olginate

LeccoToday è in caricamento