rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Notizie Mandello del Lario / Piazza Leonardo da Vinci, 6

L'Avis di Mandello festeggia i 65 anni con il concerto della tribute band dei Pooh

La musica dei Goodbye infiamma e commuove il pubblico del De André. L'appello del presidente della sezione locale, Roberto Rosa: "Una goccia di sangue può salvare una vita"

"Chi fermerà la musica?". Nessuno, sabato sera, avrebbe voluto fermarla. La canzone è stata cantata dalla band Goodbye-Pooh in chiusura del concerto tenuto al teatro De André quale inizio dei festeggiamenti in occasione dei 65 anni dell'associazione Avis Mandello del Lario.

Il pezzo della storico gruppo ha veramente infiammato il pubblico, dallo zoccolo duro dei fan sotto il palco a tutti i presenti, salutati tramite videomessaggio da Dodi Battaglia, vera "chicca e sorpresa" anticipata da Roberto Rosa, presidente Avis di Mandello. "Un album troppo lungo da sfogliare" ha detto il coordinatore dal palco, riferendosi al lungo cammino dell'associazione il cui tempo di presenza sul territorio è riconducibile al grande impegno e alla lungimiranza del mai dimenticato fondatore, dottore Gianni Comini.

La musica, veicolata dalla band-tributo ai Pooh, non nuova a calcare il palco del De Andrè, ha portato con gli storici brani quei messaggi di amore e solidarietà insiti nel Dna dell'associazione dei donatori di sangue. Sodalizio che in questo lungo cammino si è sempre messo in campo a promuovere nelle scuole la finalità delle donazioni.

"Il futuro è dei giovani"

"Il futuro è loro, è dei giovani" ha sottolineato con forza il presidente Rosa, non senza emozione e commozione nel ricordare il passato, il presente e ciò che verrà nel dare continuità e concretezza a quelle semplici parole: "Una goccia di sangue può salvare una vita".

"Chi fermerà la musica": nessuno la può e vuole fermare, quando porta emozioni, gioia e voglia di vivere. Al De André lo si visto sabato sera. Il pubblico, coinvolto dai Goodbye Pooh, in piedi ha applaudito, cantato, sognato. I festeggiamenti del 65° proseguono il 21 maggio. Alle 8.45 ritrovo in piazza da Vinci. Alle 9.15 formazione del corteo per la chiesa di San Lorenzo. Alle ore 10 celebrazione della Messa. A seguire alle 11.15 cerimonia ufficiale presso il teatro San Lorenzo. Alle 13 buffet presso la sala Don Beretta dell'oratorio. Un appuntamento di eventi sotto il logo delle goccioline di sangue che si danno la mano in girotondo: emblema disegnato dagli alunni della scuola per i 65 anni. "Il futuro è loro, è dei giovani".

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Avis di Mandello festeggia i 65 anni con il concerto della tribute band dei Pooh

LeccoToday è in caricamento