rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Notizie Mandello del Lario / Piazza Leonardo da Vinci, 6

Auto a 130 all'ora in paese: a Mandello arrivano i box per il controllo della velocità

Da settimana prossima attive quattro colonnine con cui all'occorrenza si potrà anche sanzionare. Effettuato un primo monitoraggio lungo i rettilinei a Olcio e al Moregallo: sopra i limiti 7 veicoli ogni 10

A Mandello auto e moto sfrecciano come in un autodromo: dalla prossima settimana saranno attive quattro colonnine di prevenzione e controllo della velocità con possibilità di essere attivate per sanzionare i trasgressori del Codice della strada.

Il Comune guidato dal sindaco Riccardo Fasoli ha aderito al progetto "Attenta-Mente", con un primo monitoraggio sul rettilineo di Olcio e quello del Moregallo. "L'obiettivo - ha spiegato il primo cittadino - è arginare il fenomeno delle velocità elevate in punti molto pericolosi della viabilità comunale, per migliorare la sicurezza complessiva".

Il progetto (sul sito si possono consultare tutti i dati riferiti all'indagine svolta a Mandello) è rivolto alle amministrazioni comunali ed è portato avanti dalla società NoiSicuri di Brescia. Giovedì pomeriggio in sala consigliare, per introdurlo, sono intervenuti Paolo Goglio e Paolo Antimi insieme a Fasoli agli assessori alla Sicurezza Sergio Gatti e ai Servizi sociali Guido Zucchi. Nelle settimane fra l'11 e il 24 marzo scorso la società ha provveduto a un monitoraggio su due tratti di strada nel territorio comunale, uno nella frazione di Olcio e l'altro al di là del lago, tra Valmadrera e Onno, in quel lembo di riva - il Moregallo - la cui competenza è in capo al Comune di Mandello.

Monitoraggio di due settimane: i dati

I dati riferiti ai controlli della velocità nei due punti individuati dall'Amministrazione comunale, dall'11 al 18 marzo sul rettilineo di Olcio e dal 18 al 24 marzo davanti al Nautilus al Moregallo, sono francamente spaventosi.

A Olcio il monitoraggio ha censito 43.591 veicoli, con una velocità media di 56,32 km/h. Risulta entro i limiti soltanto il 27,7% degli utenti della strada, mentre il 72,3% sarebbe stato sanzionabile. Una media di 4.570 infrazioni al giorno, circa 1,6 milioni all'anno. Numeri pazzeschi. La velocità massima registrata è 137 km/h, come ha sottolineato Fasoli "si tratta di un'auto transitata alle 21.38, nemmeno troppo tardi". La media delle 20 punte di velocità massime registrate è addirittura 123,25 km/h, con ben 352 passaggi sopra i 90 km/h, lo 0,81% del totale.

Al Moregallo sono transitati in tutto 21.193 veicoli, di cui oltre 17mila auto; la velocità media è ben al di sopra del limite (che, essendo strada provinciale, è 50 km/h), 59 km/h per l'esattezza, con una punta massima di 128 km/h registrata da un'automobile in pieno pomeriggio, le 15.57 di un sabato. I mezzi sanzionabili per eccesso di velocità costituiscono il 78,49% del totale. Le 20 velocità massime rilevate spaziano da 107 a 128 km/h, con una media di 111,3 km/h. I passaggi sopra i 90 km/h costituiscono lo 0,93% del totale ma, su oltre 21mila veicoli passati, significa oltre 200 mezzi in una settimana.

"Il fine è migliorare il comportamento degli utenti"

"Ci poniamo il fine di ridurre le velocità sulle strade urbane e aumentare la sicurezza non solo attraverso l'aspetto sanzionatorio - ha spiegato Paolo Goglio - ma con il miglioramento dei comportanti degli utenti. Questa prima fase di monitoraggio a Mandello ha evidenziato una situazione critica, con velocità medie elevate. La principale causa di incidentalità al giorno d'oggi è la distrazione, la velocità è una concausa ma se riusciamo ad abbassarla abbiamo conseguenze meno gravi in caso di sinistro".

Da qui l'utilità delle colonnine mobili, attive o non attive, poiché hanno una funzione deterrente. "Per poter effettuare sanzioni c'è l'obbligo della presenza degli agenti di Polizia locale, sul posto o nelle immediate vicinanze - ha proseguito Goglio - però noi puntiamo sull'aspetto psicologico, perché l'esperienza ci suggerisce che la sola presenza di queste colonnine è sufficiente a produrre una riduzione sensibile delle velocità degli utenti della strada. Se nelle prossime fasi di monitoraggio noteremo il persistere di dati allarmanti, allora d'accordo con il Comune si punterà di più sull'aspetto sanzionatorio".

A riguardo, Fasoli ha annunciato anche futuri controlli fisici con gli agenti (e la conseguente possibilità di sanzionare). In questo momento, ha ribadito, "non vogliamo fare cassetto e abbiamo la necessità di rendere più sicuri quei tratti, che hanno abitazioni a pochi centimetri dalla carreggiata e mettono a repentaglio la vita di pedoni e ciclisti. Le colonnine potranno essere spostate in una fase successiva, stiamo individuando altri luoghi idonei ai controlli. Per quelle fisse invece è un po' più complicato, ci sarebbe bisogno dell'autorizzazione della Prefettura".

Le velocità massime rilevate

velocita massime Mandello marzo 2022-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto a 130 all'ora in paese: a Mandello arrivano i box per il controllo della velocità

LeccoToday è in caricamento